11 C
Rome
martedì 25 Gennaio 2022
SportCalcioFinale Champions League: Manchester City-Chelsea 0-1, il Pagellone

Finale Champions League: Manchester City-Chelsea 0-1, il Pagellone

Tuchel batte Guardiola e si prende la Champions. Decide la finale un gol di Havertz al 43′: seconda Champions vinta dai Blues dopo quella del 2012 Manchester City-Chelsea 0-1, il Pagellone del colonnello Lobanovsky.

Il colonnello Valerij Lobanovs'ky
Il colonnello Valerij Lobanovs’ky

Manchester City-Chelsea 0-1, il Pagellone

Manchester City-Chelsea 0-1 (Havertz 42′)

 

Ederson 5.5 fa un lancio di 70 metri per Sterling che manco il divino Beck ai bei tempi. Sulla rete del Chelsea poteva uscire meglio e viene saltato facilmente.

Walker 5.5 sulla fascia spinge poco. Meglio nella fase di contenimento dove è efficace in un paio di circostanze.

Ruben Dias 7 non sbaglia praticamente nulla.

Stones 5 si guarda bene di contrastare Mount che si infila nel corridoio libero e mette il sigillo alla partita.

Zinchenko 4 non si capisce perché non insegua Havertz nell’occasione del goal del Chielsea.

De Bruyne 5 il grande assente nella serata più importante. La controfigura del giocatore che tutti conosciamo. Una specie di Milanetto in versione belga. Si fa pure male ed è sostituito.

Gundogan 5 messo a fare l’incontrista. Ovviamente non scherma nulla e si perde nel centrocampo citizen.

Foden 4.5 non lo vedi mai e non tira mai.

Mahrez 6 l’unico spunto a partita praticamente finita e non fa il miracolo per pochi centimetri.

Bernardo Silva 5 ispirato come un burocrate nordcoreano non è mai in partita.

Sterling 5 sul lancio di Enderson stoppa la palla come un giocatore di calcio gaelico.

Gabriel Jesus dal 60’ 5 entra e non cambia nulla. Ha uno spunto nel finale di partita. Troppo poco.

Fernardinho dal 64′ 6 da equilibrio alla squadra. Andava impiegato prima. Tipo dal primo minuto.

Aguero dal 77′ 5.5 non incide e chiude al City con la serata più amara.

Guardiola 4

Mette in campo una squadra totalmente squilibrata. Tutti fantasisti, nessun incontrista e nessuna punta. Come se non bastasse qualche giocatore è completamente fuori fase, vedi De Bruyne. Quando tenta di rimediare è troppo tardi. Da grandissimo quando bacia la medaglia per il secondo posto.

 

Finale Champions League Manchester city-Chelsea, il Pagellone

Chelsea

Mendy 6.5 sempre attento non sbaglia niente. Al 96esimo prega sul tiro di Mahrez e qualcuno lo ascolta.

Azpilicueta 7 Dave per gli amici, fa buona guardia su un paio di palloni messi in mezzo. Ci pensa lui a disinnescarli.

Rudiger 7 è vero che il City gioca senza punte ma lui è sempre concentrato e non sbaglia nulla.

Thiago Silva 6 esce per un infortunio. Fino a quel momento totalmente in partita.

Chilwell 6.5 contiene bene Mahrez e ne limita le giocate di fantasia.

Jorginho 6.5 fedele scudiero di Kanté fa un lavoro oscuro ma utilissimo.

Kanté 7.5 partita incredibile. Recupera palloni, inventa calcio. Immarcabile. Colpisce anche di testa tra due corazzieri del City.

James 6 perde Sterling all’inizio. Dopo non sbaglia più nulla.

Havertz 7.5 goal che vale la Coppa ed assist a Pulisic che pensa bene di tirare fuori.

Mount 7.5 i giocatori del City non riescono a contenerlo. Quando decide di alzare i ritmi della partita sono guai per gli avversari. Assist vincente ad Havertz.

Werner 5 sbaglia due conclusioni facili ad inizio partita. La punta letale vista in Germania non si capisce dove sia finita.

Christensen dal 39′ 7 sarà meno dotato del brasiliano ma non meno efficace. Bada al sodo e non passa nessuno.

Pulisic dal 66′ 6 bravo nel costruirsi l’azione che poteva portare il 2-0. Tira malamente a lato.

Kovacic dall’80’ s.v. si porta a casa la quarta Coppa dei Campioni. Sicuramente non porta sfiga.

Tuchel 8

Partita perfetta. In poco più di un mese batte tre volte su tre la squadra di Guardiola. Non può essere un caso. Si prende una rivincita incredibile ed in Francia qualcuno si starà facendo delle domande.

 

Leggi anche


Enrico Zerbo
Ligure, ama i gatti, la buona cucina e le belle donne. L'ordine di classifica è a caso. Come molte cose della vita. Antifascista ed incensurato.

Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli