22 C
Rome
mercoledì 18 Maggio 2022
In EvidenzaL'ottuso declino: scoppiamo di liquidità ma siamo alla miseria

L’ottuso declino: scoppiamo di liquidità ma siamo alla miseria

L’Italia ha una rendita pari al 22% ma è in declino perché la fonte di valore è il capitale industriale, dove non si fanno investimenti e innovazioni ma ci si arricchisce su quello esistente, tenendo bassi i salari.

Italia in declino ma scoppiamo di liquidità

La guerra di classe, iniziata con la controffensiva del 1973 e proseguita per un cinquantennio, porta i suoi frutti al capitale industriale e a quella massa enorme di popolazione che vive di rendita, che costitutisce ormai il 22% del Pil.

La Banca d’Italia ha comunicato la Bilancia dei Pagamenti: surplus di conto corrente pari a 61 miliardi (3,5% di pil) e posizione finanziaria netta estera positiva pari a 105 miliardi (6.1% di Pil).

La Banca centrale italiana, nel suo comunicato, ci tiene a precisare che l’Italia è creditrice netta sull’estero per una cifra consistente. Il dato si ricava dall’avanzo mercantile e dall’aumento dei Redditi secondari, vale a dire dividendi e interessi di attività sull’estero fatto da operatori economici italiani.

I profeti dell'austerità: indovinate a chi toccherà pagare la crisi...

Il dato non contempla tutti quei depositi che i residenti, a seguito di attività di import export, lasciano la liquidità all’estero, altrimenti sarebbe ben maggiore.

Dunque il Paese è creditizio netto estero, frutto del modello export oriented basato su bassissimi salari e di cui godono il 20% dei residenti. I re Mida affogano di liquidità,  tagliando i rami dove sono seduti.

Un Paese che ha una rendita pari al 22% è in declino, perché la fonte di valore è il capitale industriale, dove non si fanno investimenti e innovazioni (si aspettano i fondi pubblici incidendo ancor di più sul debito), ma ci si arricchisce su quello esistente, tenendo bassi i salari.

A marzo sapremo il dato dell’incidenza dell’export sul Pil (ora al 32%); sicuramente è aumentato, visto che si è fatta la guerra anche al capitale commerciale. Allora, il Renzi che nel 2014 voleva l’Italia simil modello tedesco avrà raggiunto il suo risultato.

Un risultato senza futuro, visto che la Germania è in crisi nera.

Piano contro mercato

Governo Draghi a senso unico: i veri numeri del taglio delle tasse, propaganda e regali ai ricchi

Leggi anche


Pasquale Cicalese
Pasquale Cicalese
Economista. Laureato in Scienze Politiche. È impiegato alla Regione Calabria. Autore di "Piano contro mercato. Per un salario sociale di classe" (L.A.D., 2020)

Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli