21.5 C
Rome
lunedì 10 Maggio 2021
PolisL'integrità morale dei medici cubani, l'ipocrisia italiana sull'embargo

L’integrità morale dei medici cubani, l’ipocrisia italiana sull’embargo

La gratitudine italiana nei confronti dei medici cubani? Votare contro la fine delle sanzioni a Cuba.

L’integrità morale dei medici cubani

La risoluzione presentata al Consiglio per i Diritti Umani delle Nazioni Unite da Cina, Palestina e Azerbaigian, sulle ripercussioni negative delle sanzioni economiche applicate ad alcuni paesi come Cuba, ha visto il voto contrario dell’Italia in merito alla questione. La risoluzione è comunque passata con 30 voti favorevoli, 15 contrari e 2 astenuti. Oltre alle risoluzioni per Cuba gli altri stati sono Venezuela, Siria ed Iran paesi debilitati da crisi umanitarie ed economiche. Con l’Italia hanno votato contro anche Francia, Germania, Gran Bretagna, Paesi Bassi, Polonia, Austria, Giappone e Brasile.

Un anno fa atterravano in Lombardia 53 medici cubani della Brigata Henri Reeve, in un momento drammatico per la nostra Nazione ma soprattutto inimmaginabile. Questi medici hanno esattamente dato continuità alla storia che li precede, una memoria internazionale contraddistinta dalla generosità cubana.

Questa generosità si è scontrata contro la volontà politica, ormai antistorica e pretestuosa degli Stati Uniti.

Medici che arrivano dall’altra parte del mondo, a titolo gratuito, rischiando la loro vita in prima linea: questa è una dimostrazione di etica, prima ancora che di politica. Quella italiana invece, è la dimostrazione di quanto siamo diventati servili nei confronti delle grandi potenze.

Cuba nonostante le ferite inferte dall’America, si offrì di inviare uno staff medico dopo l’uragano Katrina, ma gli Stati Uniti rifiutarono. Semplice orgoglio di supremazia, accompagnato da una grande mancanza di integrità morale, non per Cuba che ha rivestito un ruolo di fondamentale importanza nelle sue missioni.

La lotta di Cuba al covid rompe i paradigmi del neoliberismo

La società cubana è autenticamente internazionalista, e il lavoro che i suoi medici fanno in tutto il mondo dall’Oceania all’America Latina e all’Africa è davvero ammirevole. Il loro sistema si basa sulla prevenzione, i progressi in campo medico di Cuba hanno una valenza anche simbolica. Questo perché grazie a essi aiutano il mondo intero e lo fanno ovunque indipendentemente dalle difficoltà che possono avere in patria. L’intervento cubano è stato fondamentale per la liberazione dell’Africa, Che Guevara partì da Cuba con un intero contingente di soldati per andare a combattere per la liberazione del Congo.

Cuba fu presente anche in Angola e in Namibia, e grazie a quell’intervento i sudafricani furono mandati via: lo fece in maniera disinteressata senza assumersi mai il merito. Dopo il terremoto di Haiti sono stati incredibili, anche durante l’alluvione in Pakistan del 2010. I medici cubani non rimanevano in città ma si avventuravano nelle aree più impervie del paese e ci restavano, mentre gli occidentali se ne chiamavano fuori.

Si potrebbero raccontare le migliaia imprese dei medici e della popolazione cubana, ma questo non basterebbe lo stesso per riscattarli dalla loro condizione. Tutto ciò che fanno in segno di pace, per l’occidente risulta più che invisibile.

Cuba ha un vaccino per il Covid pubblico e gratuito ma è vietato parlarne

L’articolo originale di Bruna Kola Mece potete leggerlo su The Black Post, sito gemellato e in partnership con Kulturjam.

Blackpost

Il progetto editoriale Black post- L’informazione nero su bianco si propone di mettere in primo piano chi troppo spesso viene denigrato, discriminato e non riesce ad esprimere il proprio punto di vista, con una prospettiva diversa.

Proprio per questo la redazione è composta esclusivamente da immigrati di prima o seconda generazione. Con loro collaborano giornalisti, professori e studenti che aiuteranno, chi, per ragioni comprensibili, magari essendo arrivato da poco, avrà difficoltà a scrivere in Italiano. Questa sarà anche un’occasione per creare un esempio di inclusione e collaborazione, nonché formare giornalisti del domani.

 

[themoneytizer id=”68124-28″]



[themoneytizer id="68124-16"]

Ti potrebbe anche interessare

1 COMMENT

Comments are closed.

Ultimi articoli