Quotidiano on-line ®

28.9 C
Rome
lunedì, Luglio 4, 2022

Maurizio Acerbo: La vittoria di Mélenchon ci incoraggia anche in Italia

Il brillante risultato elettorale di Melechon in Francia ha riflessi anche per la sinistra in Europa e in Italia. Maurizio Acerbo, segretario di Rifondazione comunista: “Anche in Italia bisogna costruire l’alternativa ai partiti che sostengono Draghi. Noi ci stiamo provando con De Magistris, Potere al Popolo, le parlamentari di ManifestA.”

La vittoria di Mélenchon ci incoraggia

Di Maurizio Acerbo.

La vittoria di Mélenchon al primo turno è una vittoria del fronte pacifista e di una sinistra autentica. Le nostre compagne e i nostri compagni della NUPES superano i macroniani (insomma il loro Pd) e l’estrema destra è al terzo posto. Ancora una volta il gallo francese lancia messaggi a tutta l’Europa.

Il primo è che una sinistra autentica può tornare a essere popolare e a vincere, non sta scritto da nessuna parte che bisogna scegliere tra peste e colera. Il secondo è che una sinistra che difende le classi popolari e lavoratrici è il miglior antidoto contro i fascismi e sbarra la strada alla demagogia della destra razzista.

Costruiamo anche in Italia un’unione popolare, ecologista e sociale alternativa ai partiti del neoliberismo e della guerra che presenti al paese un programma di radicale cambiamento impossibile col PD.

Noi ci stiamo provando con De Magistris, Potere al Popolo, le parlamentari di ManifestA. Purtroppo Fratoianni, Fassina e Bonelli si congratulano con Mélenchon ma fanno il contrario.

SI e Verdi scelgono la via dell’alleanza subalterna con i macroniani del PD, mentre Mélenchon per 15 anni ha con determinazione chiamato a raccolta un popolo sulla base di una netta rottura con i neoliberisti che hanno portato avanti la precarizzazione del lavoro, le privatizzazioni, la devastazione ambientale e le scelte di guerra e riarmo.

La vittoria di Mélenchon e della coalizione di sinistra e ecologista ci incoraggia anche in Italia a costruire l’alternativa ai partiti che sostengono Draghi.

Maurizio Acerbo

Leggi anche

Ti potrebbe anche interessare

Seguici sui Social

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Ultimi articoli