1.7 C
Rome
lunedì 29 Novembre 2021
NewsLe operaie licenziate dalla Piaggio sono di nuovo sul tetto

Le operaie licenziate dalla Piaggio sono di nuovo sul tetto

Le lavoratrici C. T. Piaggio, espulse da 3 anni dall’azienda dopo 15 di lavoro precario, hanno occupato il tetto dell’istituto di biorobotica dell’istituto Sant’Anna, che da anni programma la rivoluzione robotica della produzione della fabbrica della Vespa, aprendo la strada a ulteriori licenziamenti.

Piaggio: la protesta sul tetto

Samantha Bamunto e le lavoratrici licenziate dalla Piaggio dopo 13 anni di lavoro a temine, sono tornate sul tetto come nel febbraio 2020. Allora stavano in cima ad un’altra costruzione e dovettero scendere per il Covid.

Questa volta sono sull’edificio della Scuola Sant’Anna, sempre davanti alla fabbrica di Pontedera, che da quasi due anni le imbroglia. Infatti l’azienda, il governo e la regione, quando le operaie erano scese la prima volta, avevano loro promesso che sarebbero state assunte.

Invece padron Colaninno come fa spesso, non ha mantenuto gli impegni e le operaie sono ancora in mezzo alla strada. Peggio ancora, perché ora la Piaggio vuol fare nuove assunzioni con contratti a termine, chiedendo una deroga alla legge per poterle escludere.

Le operaie sono quindi discriminate tre volte: come donne, come madri, come donne e madri che lottano.

Sosteniamo la loro lotta , facciamo sentire la nostra voce indignata alle istituzioni e ai partiti e soprattutto verso il deputato renziano e padrone Piaggio Matteo Colaninno, che si dovrebbe semplicemente vergognare e chiedere scusa per tutta la sofferenza che provoca.

Con Samanthae le operai licenziate dalla Piaggio che insegnano dignità e coraggio .

Cartoline da Salò: un anno marchiato dalle stimmate della pandemia

 

Leggi anche


Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli