Quotidiano on-line ®

26.7 C
Rome
giovedì, Agosto 11, 2022

E per Repubblica anche i barconi dalla Libia sono opera di Putin…

“L’arma dei migranti sul voto: i barconi spinti in Italia dai mercenari della Wagner“: questo l’incredibile titolo de La Repubblica, che nell’occhiello scrive: “Dai porti della Cirenaica controllati dalla brigata di combattenti russi stanno partendo molti più scafi rispetto agli ultimi due anni. Per mettere sotto pressione il nostro Paese e l’Europa”. Siamo alla fantasia pura, a sostegno di una campagna elettorale già insostenibile, in cui in mancanza di argomenti si tira fuori la frase magica: “Colpa di Putin“.

E per Repubblica anche i barconi dalla Libia sono opera di Putin...

La Libia a fumetti di Repubblica

Di Michelangelo Severgnini*

Mancano meno di due mesi al voto e lo sappiamo già: ne sentiremo di tutti i colori.
Chi scrive o solo pensa un articolo simile è un analfabeta della Libia.

La quasi totalità dei migranti risiede sulla costa occidentale, lì trasportata dalle mafie africane perché sia manodopera a costo zero per le milizie.

È lì, in Tripolitania, dove risiedono i criminali a piede libero, altre volte detti trafficanti, dove i migranti vengono imbarcati su gommoni sgonfi mortali, dopo aver trovato un accordo con le Ong.

Loro, trafficanti libici e Ong, sono i responsabili dei quasi 30.000 sbarchi già quest’anno.
Di quale pressione russa stanno parlando?

I barconi che partono dalla Cirenaica sono tanto rari quanto le notizie obiettive di Repubblica.

Che ci sia dietro la Wagner è poi “wishful thinking”. Gli piacerebbe fosse così per nascondere quello che loro già fanno in Tripolitania.

In 4 anni dacché sono in contatto con i migranti-schiavi in Libia non ne ho sentito uno lamentarsi dalla Cirenaica.

Al contrario abbiamo presentato un’interrogazione a Di Maio il mese scorso.
Soldi a Tripoli non per i migranti, ma per le armi e il saccheggio del petrolio.
È tutto nero su bianco. Nessuno ha ripreso.

Ma a questi che vivono nella bolla EU-NATO piacciono le narrazioni fiabesche. Tutto un altro genere letterario rispetto al giornalismo.

* Michelangelo Severgnini  – L’Urlo (The Scream)

 

Sostieni Kulturjam

Kulturjam.it è un quotidiano indipendente senza finanziamenti, completamente gratuito.

I nostri articoli sono gratuiti e lo saranno sempre. Nessun abbonamento.
Se vuoi sostenerci e aiutarci a crescere, nessuna donazione, ma puoi acquistare i nostri gadget.

Sostieni Kulturjam, sostieni l’informazione libera e indipendente.

VAI AL LINK – Kulturjam Shop

KJ gadget 4

Leggi anche

Ti potrebbe anche interessare

Seguici sui Social

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Ultimi articoli