2.4 C
Rome
mercoledì 19 Gennaio 2022
AgoràDittature, tutto quanto fa spettacolo: qualcuno prese sul serio il Mein Kampf

Dittature, tutto quanto fa spettacolo: qualcuno prese sul serio il Mein Kampf

Questa rubrica è dedicata agli aspetti meno conosciuti delle grandi dittature del ‘900: documenti, libri, curiosità biografiche dei protagonisti verranno illustrati mescolando rigoroso metodo storico e truce umorismo.

Oggi parleremo di Mein Kampf.

Ci piace la libertà e tuoniamo indignati contro chi manifesta simpatia per vecchie e nuove forme di sopraffazione, ma abbiamo mai letto la Carta di Verona? O gli scritti di Alessandro Pavolini? Ovviamente no, è roba per stomaci forti, non tutti possono farcela. Pertanto ringraziamo A.C. Whistle che si è sacrificato per noi, fedele al motto “non si può difendere la democrazia solo con le tisane equosolidali”.

Dittature, tutto quanto fa spettacolo: Le favole fasciste di Trilussa

Mein Kampf: il libro proibito

In realtà non è mai stato proibito, se non in Germania dove solo dal 2016 è liberamente stampabile e vendibile. Però fino a qualche anno fa non era facile procurarselo, forse perché anche da noi un po’ di senso di colpa era rimasto, e perché si temeva che la sua diffusione potesse indurre i giovani all’infatuazione e favorire in qualche modo il ritorno della dittatura; comunque le poche librerie che lo mettevano in vendita poi si beccavano i titoli scandalizzati dei giornali e dovevano ritirarlo.

Convinto che ogni forma di censura sia repressiva e soprattutto perché la storia si studia dalle fonti, comprai -per lire diciottomila- il volume dato alle stampe nel 1991 dalla casa editrice varesina La Lucciola: solo il testo scritto dall’autore e niente altro, né note né prefazioni

Dittature, tutto quanto fa spettacolo: qualcuno prese sul serio il Mein Kampf

Il Mein Kampf in pillole

Mein Kampf rientra appieno nella categoria dei classici, cioè quei libri di cui tutti parlano senza averli letti, ma qui c’è un motivo valido: Adolf Hitler è uno scrittore noiosissimo, almeno quanto era frizzante -per così dire- come statista.

Pertanto provvedo io, o fratelli, a farvi una sinossi delle principali argomentazioni pubblicate nel 1925 dal futuro Führer.

  • La democrazia parlamentare è uno schifo, le elezioni fanno uscire dal rifugio i “vermi del parlamento” che vanno dal popolo a cercare voti. (Quando avvertite fastidio per qualche stortura della democrazia parlamentare, abbiate sempre presente qual è l’alternativa).
  • L’ebreo Carlo Marx mirava “a distruggere la vita indipendente di libere nazioni sulla terra. Ma fece ciò per giovare alla sua razza”. (Ebreo e comunista, ce le aveva proprio tutte; ma almeno non era ricchione, anzi aveva ingravidato la governante).
  • Il nazionalismo si basa sulla nazione, ma una nazione non intesa come cittadini-istituzioni, bensì basata sulla razza. E invece di fronte a una domanda di cittadinanza un funzionario fa con un tratto di penna ciò che nemmeno il Cielo potrebbe: trasforma uno zulù o un mongolo in un tedesco. Parimenti sbagliato è il pensare che si possano germanizzare i popoli conquistati: anche se si impongono lingua e usanze, la razza dipende dal sangue, e non si può “cambiare il sangue dei vinti”. Al massimo, se lo si lascia mescolare con quello dei vincitori, si ottiene un imbastardimento. (Praticamente le razze umane come quelle canine: il dobermann è un cane da guardia, il setter è un cane da caccia, e l’incrocio non va bene per nessuna delle due attività).
  • Ci sono razze superiori e razze inferiori, e la più forte di tutte -va da sé- è la razza ariana germanica. Il fatto che storicamente i germani siano stati rappresentati come barbari “è una inconcepibile stupidaggine. Non furono mai così. Ma la durezza delle condizioni climatiche del nord li obbligò ad un modo di vita che impediva l’attuarsi delle loro capacità creative”. (A parte il fatto che sembra il Ferdinando Mericoni fu Mario impersonato da Alberto Sordi in “Un giorno in pretura”, quello che “c’ho avuto ‘a malattia che m’ha bloccato”, ma vogliamo parlare delle capacità creative dei tedeschi? Ditemi a bruciapelo un pittore e uno scultore tedeschi!).
  • La razza va mantenuta pura, perché la natura “non predilige i bastardi”. I risultati degli incroci, mancando dell’unità di sangue, mancano anche dell’unità di volontà, di capacità di decisione. (Sì, mi pare di averlo sentito anche a SuperQuark).
  • Ai malati e fragili deve essere impedito di riprodursi, e in capo a seicento anni si avrebbe un’umanità perfetta. (Peccato, lo avessero lasciato lavorare…)

Dittature, tutto quanto fa spettacolo: qualcuno prese sul serio il Mein Kampf

Non c’è molto altro nelle 259 pagine del Mein Kampf, riempite da interminabili racconti del comizio del 24 febbraio 1920 nell’Hofbräuhaus e di altre brillanti imprese oratorie del nostro rodomonte (bella la vivida descrizione di come una cinquantina di SA hanno la meglio su 700-800 operai rossi che avevano iniziato a tirare boccali dopo un’ora e mezza di discorso di Hitler, roba che nemmeno Bud Spencer e Terence Hill in “Altrimenti ci arrabbiamo”);

da considerazioni su come educare fisicamente e moralmente il popolo tedesco, dalla necessità di formare un esercito di valorosi che sentano il loro compito come un dovere sacro e non come un impiego, dalla definizione del ruolo del sindacato nazional-socialista (naturalmente unico); dalla protesta contro le inique sanzioni imposte alla Germania dopo la sconfitta nella Prima Guerra Mondiale.

Dittature, tutto quanto fa spettacolo: qualcuno prese sul serio il Mein Kampf

Ovviamente il tema della dittatura economica mondiale degli ebrei e della loro natura infida e ingannatrice è molto presente, ma non gode di una trattazione organica, trovando invece spazio in affermazioni sparse qua e là sugli ebrei che si accaparrano gli impieghi pubblici, che governano le borse valori, ecc..

Insomma, visto ciò che Hitler fece successivamente, mi aspettavo invettive feroci e argomentazioni appassionate, invece c’è di che rimanere delusi. Merita però di essere menzionato il passo secondo cui “queste sanguisughe traviano le nostre bionde e inesperte fanciulle” e così, mentre protestanti e cattolici litigano fra loro, la razza ariana viene corrotta e, in prospettiva, distrutta dall’ebreo grande chiavatore di femmine tedesche tipo bagnino romagnolo.

Infine una curiosità. Alla scelta del simbolo del partito vengono dedicate 5 pagine scarse, e solo poche parole alla svastica (se dite “lo svastica” in ossequio al fatto che è Hakenkreuz e “croce” in tedesco è di genere neutro, oppure perché la parola swastika in sanscrito sarebbe maschile, siete di Forza Nuova): probabilmente il valore esoterico di questo simbolo per il nazismo è frutto di una costruzione successiva alla presa del potere, finalizzata a consolidare l’immagine del partito.

Un libro che dovrebbe essere studiato a scuola…

…dicono quelli che vengono folgorati da un testo (e che di solito hanno letto solo quello), ma vorremmo dare a questo suggerimento una chiave diversa. Tutto ciò che viene imposto come materia di studio tende a venire a noia alla maggior parte degli studenti, ed essi finiscono così per detestare opere sublimi come la Divina Commedia e I promessi sposi. E allora inseriamo Mein Kampf nei programmi scolastici, la combinazione fra imposizione e tediosità creerà formidabili anticorpi contro ogni dittatura.

Ora vi saluto, l’averlo riletto a distanza di una trentina d’anni mi ha causato la stessa dolenzia alla sacca scrotale che provai allora, e che vado a lenire con una borsa del ghiaccio.

LEGGI ANCHE

[themoneytizer id=”68124-28″]


A.C. Whistle
Giurista e poeta

Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli