8.6 C
Rome
sabato 6 Marzo 2021
Tecnè Sulle orme di Fuori Orario: Claudio Lolli

Sulle orme di Fuori Orario: Claudio Lolli

La storia siamo noi: video racconti sui grandi cantautori della musica italiana, sulle orme di fuori orario: l’omaggio a Claudio Lolli.

Sulle orme di Fuori Orario: Claudio Lolli

La storia siamo noi: cantautori e canzoni ai tempi della resistenza

Ve le ricordate le magiche serate su Rai Tre chiamate Fuori Orario a cura del mitico Enrico Ghezzi? Con quella voce che andava fuori campo e fuori giri mentre scorrevano immagini e sequenze della storia del cinema? Un programma che ha fatto epoca ma che in fondo proprio un programma non era, quanto piuttosto un’idea di racconto, un’idea di interazione con l’immaginario di ciascuno di noi.

Qualcosa che comprendevi e non comprendevi bene. Un esperimento narrativo che ti lasciava con la voglia di cercare ancora, di capire meglio e nello stesso momento andare oltre.

Raramente la voce di Ghezzi andava in sincrono con le immagini: non sapevi mai quando arrivava, ma se ti concentravi a seguirla ti rendevi conto che tutto aveva un senso e un profondo significato. Le parole viaggiavano come su di un satellite parallelo, evocando altri significanti e significanti e poi tornavi sulla terra nel momento in cui diceva: buona visione. La frase magica! Buona visione.

 

 

A questo esperimento televisivo, che oggi sembra archeologia industriale, il giornalista e scrittore Jonathan Giustini, si è ispirato per un ciclo di video racconti sui grandi cantautori della musica italiana.

La prima puntata, realizzata in collaborazione con il MEI – meeting degli indipendenti, è dedicata a Claudio Lolli, per proseguire poi con Fabrizio De Andrè, Sergio Endrigo, Enzo Jannacci ed altri che arriveranno.

Pillole video narrative di venti minuti ciascuna che sono un vero e proprio nuovo esperimento narrativo e di omaggio sentito, onirico e storicamente determinato, ad alcuni grandi maestri che hanno influenzato e profondamente segnato la nostra storia culturale.

La puntata dedicata a Claudio Lolli, poeta e cantautore, è arrivate pochi giorni dopo la grande giornata  commemorativa e di celebrazioni del suo 70esimo anno,  e che ha visto una notevole partecipazione di contributi, testimonianze e racconti andati in diretta e poi pubblicati sulla pagina social della Fondazione Claudio Lolli, da poco costituita, e che si annuncia molto attiva su quelle che saranno tantissime iniziative future in nome della canzone e della poesia civile.

claudio lolli e amici

La prima puntata, che potrete vedere alla fine di questo articolo, vedrà un alternarsi di fotografie inedite donate per l’occasione dal fotografo e fotoreporter Enzo Eric Toccacelli, tra i grandi protagonisti della fotografia italiana e da sempre il fotografo ufficiale di Claudio Lolli, ad una delle famose slapstick di Buster Keaton, il comico che non rideva mai.

L’attore malinconico ed ispirato che non solo ha segnato la storia del cinema, ma che ha rappresentato il discrimine del passaggio tra il cinema muto e quello sonoro. Non riuscendo ad adattarsi alle innovazioni tecnologiche, ha visto la sua parabola artistica declinare lentamente per finire poi, comparsa marginale, in tanti film di serie B che a mala pena lo facevano comparire e lavorare.

Un personaggio tornato invece modernissimo, sia per la sua straordinaria espressività, che per la capacità  narrativa che gli era congeniale. Buster Keaton assurto ormai a vera e propria icona del cinema di tutti i tempi.

Buona visione

La storia siamo noi: Claudio Lolli

 

 

 



Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli