24.2 C
Rome
martedì 17 Maggio 2022
SportLa leggenda si è compiuta: Maradona è morto.

La leggenda si è compiuta: Maradona è morto.

Diego Armando Maradona è morto . L’ex calciatore del Napoli, del Barcellona e della Nazionale argentina, secondo quanto riportano il Clarin e la CNN è venuto a mancare per un arresto cardiaco.

Meno di un mese fa aveva compiuto sessant’anni, il mondo del calcio lo aveva celebrato e noi tra i tanti.

 

[wp_ad_camp_1]

 

Maradona è morto. Addio al re

Diego Armando Maradona è morto. Se ne va a sessant’anni, fedele alla regola del genio autodistruttivo. Se ne va senza lasciare epigoni.

Non ci sono, non possono esserci ancora epigoni. Messi, il pulcino triste, è roba da playstation, batte record su record, sempre con un sorriso appena accennato. Cristiano Ronaldo è il testimonial eterno di Mean’s Healt, l’atleta perfetto di cui si cantano le gesta sui giornali come fosse un influencer: guarda il nuovo taglio di capelli, segui la sua dieta, hai visto il nuovo look?

Degli idoli nostrani la narrativa non spicca mai il volo, non osa: di Totti dicono nell’urbe che è come uno di famiglia. Del Piero, per carità, continua a parlare con gli uccellini.

A Diego invece si chiedevano i miracoli, s’erigevano altarini pagani con la sua parrucca. Diego faceva il bagno nella vasca a conchiglia del boss Giuliano, come uno Scarface qualunque, passeggiava per l’Havana con Fidel Castro.
È altro spessore narrativo. È materia trascendente da romanzo, carne viva e fumetto.

Ma la genialità ha in sé un lato oscuro, seducente, come il Jeckyll di Stevenson, in quanto contrario all’umanità ordinaria, da cui non può distaccarsi. Nel mondo della vita quotidiana Maradona non è mai riuscito a frenare le sue inclinazioni, trasformandosi in auto-minaccia e dando vita a ripercussioni nefaste che abbiamo visto negli anni, come fosse un perenne reality.

Ora si è tramutato definitivamente in leggenda.

Addio al re

I sessant'anni di Maradona, venti per la questura

 

[wp_ad_camp_3]

[wp_ad_camp_5]


Alexandro Sabetti
Alexandro Sabetti
Vice direttore di Kulturjam.it -> Ha scritto testi teatrali e collaborato con la RAI e diverse testate giornalistiche tra le quali Limes. Ha pubblicato "Il Soffione Boracifero" (2010), "Sofisticate Banalità" (Tempesta Editore, 2012), "Le Malebolge" (Tempesta Editore, 2014), "Cartoline da Salò" (RockShock Edizioni)

Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli