Quotidiano on-line ®

34.9 C
Rome
mercoledì, Luglio 6, 2022

Tabù Champions: Juventus-Porto 3-2, bianconeri a casa. Il Pagellone

Non basta la vittoria ai supplementari, trascinati da un Chiesa in gran spolvero, bianconeri nuovamente fuori agli ottavi. Il Porto non regala nulla e controbatte colpo su colpo. Flop Ronaldo: sette mesi dopo il flop con il Lione, e ancora una delusione per il portoghese che prima di passare in bianconero non era mai uscito agli ottavi di Coppa. Juventus-Porto 3-2, il Pagellone del colonnello Lobanovsky.

Il colonnello Valerij Lobanovs'ky
Il colonnello Valerij Lobanovs’ky

 

Juventus-Porto 3-2, il Pagellone

Juventus-Porto 3-2 d.t.s. (Sergio Oliveira 19’ (r) e 115’, Chiesa 49′ e 63’, Rabiot 117’)

 

Szczesny 5 il goal preso da distanza siderale pesa come un macigno. Si tuffa con la manina molla e non trattiene il pallone. Tutto quello che ha fatto prima non conta nulla.

Cuadrado 7 corre e crossa per tutta la partita. Il problema sono i destinatari dei suoi cross. Chiesa li sfrutta, Ronaldo e Morata no. Colpisce un incrocio dei pali in pieno recupero. Non era serata. Ma in Champions quando mai lo è stata?

Bonucci 6 quello che sposta gli equilibri vive un’altra serata da incubo. Nella fase difensiva non fa particolari danni e lancia qualche pallone interessante in avanti. Anche quest’anno la vince l’anno prossimo.

Demiral 5 la sua irruenza nel fallo da rigore è da TSO. L’avversario era spalle alla porta dove pensava potesse andare? Vale lo stesso discorso di Szczesny. Il suo errore cancella tutto quello che ha fatto dopo. Per la cronaca nulla di memorabile.

Alex Sandro 5.5 soffre molto il suo avversario diretto. Nella fase difensiva è spesso in affanno. Meglio quando deve attaccare.

Ramsey 4 dovrebbe ogni tanto far vedere che il suo ingaggio da top player ha un senso. Invece regala l’ennesima prestazione agghiacciante. Non riesce a combinare nulla. Non salta l’uomo, non crea superiorità numerica, non fa niente di niente. A parte prendere un ingaggio stratosferico.

Arthur 6.5 tutte le azioni passano dai suoi piedi. Lui non tradisce e si cala bene nella parte.

Rabiot 5 un mediocre che gioca da mediocre da sempre. Fossimo azionisti della Juventus chiederemo conto del suo ingaggio e di quello del simpatico gallese. Trova il goal del 3-2 e non prende 4 solo per questo motivo.

Chiesa 8 fa due goal, ha personalità e trascina la squadra. Ieri sera leader indiscusso. Sta crescendo molto nelle ultime settimane ed è la vera anima dei bianconeri. Resta molto simpatico ma questo è un altro discorso.

Morata 5 spara addosso al portiere avversario palloni che avrebbe dovuto mettere in rete. Quando riesce a segnare è in fuorigioco. Serata no.

Ronaldo 31 come i milioni che prende all’anno per giocare come se fosse Zalayeta. Un flop clamoroso sia sportivo che economico. Sarebbe interessante sapere quante sue magliette sono state veramente vendute. Magari esporre il loro numero fuori dallo stadio accanto alla contabilità degli scudetti vinti.

De Ligt dal 75′ 6 ha il suo bel da fare per evitare che gli avanti lusitani non facciano male.

McKennie dal 75′ 6 partita di sostanza. Alla fine non tradisce le attese.

Kulusevski dal 102’ 6 qualche spunto interessante ma quando arriva al dunque si perde.

Bernardeschi dal 102’ 5 solita partita da paracarro inutile.

Pirlo 5

Lui non ha colpe se l’hanno disegnato così. Se hanno fatto credere che fosse il nuovo Messia per un calcio che non esiste in questo mondo. In effetti non esiste in questo mondo. Per fare questi risultati andava bene anche richiamare Ciro Ferrara. Ora può concentrarsi sul campionato e sulla Coppa Italia, ha la finale da affrontare, e cercare di fallire su tutti e due i fronti. Può farcela.

Tabù Champions Juventus-Porto 3-2, bianconeri a casa. Il Pagellone

Porto

Marchesin 7.5 serata impegnativa da subito ma risponde bene e ferma tutti gli attacchi bianconeri. Barcolla ma non molla come i suoi compagni di reparto.

Manafá 5 viene travolto da Chiesa che fa quello che vuole e quando vuole.

Pepe 7 intervento pazzesco su Chiesa che aveva superato il portiere avversario. Intervento che vale un goal ed il 7 in pagella. Copre tutto quello che può e non può.

Mbemba 6 alza la diga e fa da argine agli attacchi bianconeri. Anche lui va in tilt con Chiesa e sbaglia sul secondo goal juventino.

Zaidu 6 incrocia le armi con Cuadrado e si batte sostanzialmente bene. Aveva un brutto cliente da curare.

Corona 7 fa entrambe le fasi ed aiuta in difesa. Eroico ed indispensabile.

Uribe 6 molto pressing. Partita dispendiosa fisicamente e mentalmente.

Sergio Oliveira 8 non solo segna ma dirige anche la manovra dei lusitani. Sul rigore preciso e sulla punizione bravo ma anche fortunato di aver trovato sul suo cammino il duo comico Ronaldo Szczesny

Otavio 6 una partita dispendiosa. Si sacrifica per la squadra. Generoso.

Marega 6 anche lui partita a ritmi altissimi. Infatti è poco lucido e si divora il 2-2.

Taremi 4 si procura il rigore ma prende due gialli comici in due minuti. Rischia l’accusa di collaborazionista.

Sarr dal 62’ 6 lotta su ogni pallone e tenta la fortuna da fuori.

Luis Diaz dal 71′ 7 giocate di altissima qualità. Chissà perché era in panchina?

Grujic dal 90′ 6.5 quando serve abbassa i ritmi della partita.

Martinez Toni dal 106’ si piazza in mezzo ed aiuta la causa.

Ndiaye dal 118’ s.v.

Leite dal 118’ s.v.

Conceicao 7

Nel primo tempo è perfetto. L’espulsione del suo uomo non lo scompone più di tanto e continua a dirigere i suoi dalla panchina. Indovina tutto e porta a casa una meritata qualificazione.

 

[themoneytizer id=”68124-28″]

Enrico Zerbo
Enrico Zerbo
Ligure, ama i gatti, la buona cucina e le belle donne. L'ordine di classifica è a caso. Come molte cose della vita. Antifascista ed incensurato.

Ti potrebbe anche interessare

Seguici sui Social

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Ultimi articoli