29.9 C
Rome
domenica 1 Agosto 2021
SportJuventus-Fiorentina 0-3, il Pagellone di Lobanovsky

Juventus-Fiorentina 0-3, il Pagellone di Lobanovsky

Clamorosa batosta dei bianconeri travolti in casa dalla Fiorentina. Cuadrado espulso, serataccia per Bonucci and co. Prandelli vede la luce. Juventus-Fiorentina 0-3, il Pagellone del colonnello Lobanovsky.

Il colonnello Valerij Lobanovs'ky
Il colonnello Valerij Lobanovs’ky

 

Juventus-Fiorentina 0-3, il Pagellone

Juventus-Fiorentina 0-3 (Vlahovic 3’, Alex Sandro 76′ (ag), Caceres 81′)

Szczesny 6 prende 3 goal, di cui in uno è vittima del fuoco amico, ma salva almeno su Castrovilli. È il meno colpevole della combriccola bianconera.

Cuadrado 2 fa un fallo da codice penale. Fa un fallo da codice penale inutile. Non è la prima volta che capita, è la prima volta che lo espellono. Comprendiamo il suo stupore era pari al nostro.

De Ligt 4 pronti via e prende tre metri da Vlahovic che in fuga lo brucia sullo scatto. Ha uno stile di corsa da runner della domenica ed il fiato di un cinquantenne protagonista di Unti e Bisunti.

Bonucci 3 tiene in gioco Vlahovic sullo 0-1. Perde palloni come Salvini occasioni di stare zitto. Buca l’intervento sull’autogoal dello 0-2. Perde palla su Ribery sull’azione dello 0-3. Insomma un disastro totale. Un orgasmo per chi l’ha sempre considerato un miracolato del calcio.

Alex Sandro 4.5 non salta mai l’uomo e mette in ghiaccio l’incontro con una simpatica autorete.

Chiesa 5 corre a vuoto senza riuscire a mettere in difficoltà nessuno, a parte chi deve giustificare i 60 milioni spesi per lui.

Bentancur 5 nelle difficoltà si spegne e non riesce a cambiare il destino del match.

McKennie 5 non fa la differenza ed assiste impotente agli attacchi della Viola che si mangia il centrocampo bianconero.

Ramsey s.v. fa solo 20 minuti, grazie a Cuadrado, risultando uno dei migliori in campo.

Morata 5 un primo tempo da encefalogramma piatto viene sostituito nella ripresa non si capisce per quale motivo.

Ronaldo 6 ci mette rabbia e classe. È l’unico che tenta di invertire la rotta.

Danilo dal 20′ 4.5 in imbarazzo su Biraghi. Ed è tutto dire.

Bernardeschi dal 46′ 5 altra “sola” cosmica rifilata dai Viola alla Juventus entra e fa quello che gli riesce meglio. Niente.

Kulusevski dal 73′ 5 entra e si posizione ad minchiam in campo.

Fabrotta dall’88’ s.v. potrà raccontarlo ai nipotini.

Pirlo 4

Nella giornata in cui riescono a perdere 6 punti in un giorno fa sembrare la Fiorentina l’Honved di Jeno Kalmar. Sbaglia tutti i cambi, a parte quello di Fabrotta, e la squadra va in autogestione come un gruppo di Hippy in una Comune di Christiania. La sua idea di calcio è talmente avveniristica che non sembra neppure calcio. Incompreso.

Juventus-Fiorentina 0-3, il Pagellone di Lobanovsky

Fiorentina

Dragowski 6 impegnato da fuori nel primo tempo nel secondo ha meno lavoro. Uscita da lotta nel fango su Ronaldo. Graziato.

Caceres 7 sulla fascia detta legge. Non gli capitava più dal Governo Renzi. Segna il goal dell’ex e se la ride come il cane di Dick Dastardly

Milenkovic 5.5 per il retropassaggio da avinazzato che costringe il portiere a rimediare con metodi poco ortodossi.

Pezzella 7 guida la difesa con sicurezza ed autorità. Pressing alto da calcio totale.

Igor 6.5 roccioso e combattivo non molla un centimetro.

Biraghi 7 partita in crescendo per l’ex interista. Due assist e tanta spinta.

Amrabat 7 per una sera torna il centrocampista ammirato a Verona. Onnipresente.

Valero 6 si mette in cabina di regia e distribuisce palloni ai compagni. Intervento a rischio rosso da interista che non dimentica.

Castrovilli 6.5 buon possesso e sfiora il goal nel primo tempo.

Ribery 7.5 manda in goal Vlahovic e protagonista assoluto negli attacchi viola e rifila qualche scarpata all’ex Chiesa.

Vlahovic 7 sblocca la partita ed è utilissimo anche di sponda per i compagni.

Pulgar 6 dal 52′ sostituisce in regia Valero e fa bene il compitino.

Kouame dal 75′ 6.5 da dinamismo agli attacchi Viola. Alex Sandro gli nega il probabile goal

Bonaventura dall’82’ s.v.

Venuti dall’82’ s.v.

Prandelli 7.5

Trova la prima vittoria nella serata più difficile. Tatticamente da una lezione a Pirlo. I suoi giocatori sono perfetti nell’interpretare la partita, agevolati dalla confusione tattica degli avversari. Questa deve essere la svolta della stagione.


Enrico Zerbo
Ligure, ama i gatti, la buona cucina e le belle donne. L'ordine di classifica è a caso. Come molte cose della vita. Antifascista ed incensurato.

Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli