11 C
Rome
martedì 25 Gennaio 2022
SportCalcioLa diga basta e avanza: Inter-Atalanta 1-0, il Pagellone di Lobanovsky

La diga basta e avanza: Inter-Atalanta 1-0, il Pagellone di Lobanovsky

Basta un lampo di Skriniar e una difesa invalicabile per dare la vittoria ai nerazzurri al termine di un match serrato con gli orobici. La squadra di Conte a + 6 sul Milan.  Inter-Atalanta 1-0, il Pagellone del colonnello Lobanovsky.

Il colonnello Valerij Lobanovs'ky
Il colonnello Valerij Lobanovs’ky

Inter-Atalanta 1-0, il Pagellone

Inter-Atalanta 1-0 (Skriniar 54′)

Handanovic 7.5 fa un paio di appoggi in uscita da cardiopalma. È reattivo come il gatto Garfield sul colpo di testa di Zapata. Quando non ha voglia di tuffarsi ci pensa Brozo a respingere. Nel secondo tempo copre bene su Muriel. Non male per uno che non sa più parare.

Skriniar 7.5 il Milan spesso e volentieri regala 3 punti ai nerazzurri. Lui non vuole essere da meno e, forte del nome che porta, fa un goal pesantissimo per partita e forse campionato. All’inizio è un po’ in difficoltà su Zapata ma prende le misure e rischia davvero poco.

De Vrij 6.5 partita di sacrificio. Più in ombra rispetto ai compagni ma utilissimo nel dirigere la fase difensiva. Non un passo indietro.

Bastoni 7 le sue leve arrivano ovunque ma soprattutto è decisivo sul corner che porta al vantaggio interista. Ha il suo bel da fare contro Maehle ma regge bene.

Hakimi 6 si annulla con Gosens e quando parte palla al piede, quasi mai, ha dei controlli non felici. Grandissimo recupero difensivo nel primo tempo.

Barella 6.5 solita partita di lotta e di governo. Prende un discreto numero di calci e si incazza per un paio di passaggi non precisi. Forse avrebbe bisogno di rifiatare un po’ ma come fai a giocare senza la sua anima pugnace?

Vidal 5 torna titolare dopo qualche panchina. Dopo questa sera tornerà in panchina dopo una partita da titolare. Perde palloni nelle zone calde del campo che danno il fianco alle incursioni degli orobici. Fa sempre il tocco in più che non serve a nulla se non agli avversari.

Brozovic 7 tutte le ripartenze dal basso passano dai suoi piedi. Testa alta per innescare l’attacco interista. Ricorda molto l’indimenticabile Lamouchi.

Perisic 6.5 praticamente fa il terzino. Non fa una piega e si adatta al nuovo ruolo. Molto bene dietro, dove calcia tutto quello che passa dalle sue parti, e poco incisivo in attacco. Per l’attacco ci sarà tempo ed occasioni.

Lukaku 6 avrà fatto 80 sponde. Spalle alla porta è uno dei migliori al mondo. Riesce anche a divorarsi due occasioni davanti al portiere. Indugia troppo e i difensori arrivano prima di lui. Spuntato.

Martinez 6.5 gioca da centrocampista aggiunto. Finché ha fiato lotta su ogni pallone e cerca di far ripartire l’azione. Ha un paio di spunti dei suoi e prende falli a non finire. Quello che finisce è il suo fiato e deve essere sostituito. Generoso.

Eriksen dal 52′ 7 Vidal non riesce a fare Eriksen ma Eriksen riesce a fare Vidal. Lui i palloni non li perde, anzi li recupera. Non si fa problemi a sparare in tribuna il pallone come se fosse un Gianpiero Marini 2.0

Sanchez dal 77′ s.v. si piazza al posto di Martinez e rompe il gioco senza essere pericoloso in avanti.

Gagliardini dal 77’ s.v. ci mette il fisico e si butta in trincea a difendere il risultato.

Darmian dall’84’ s.v. fare i conti con il suo passato l’ha reso un uomo migliore.

D’Ambrosio dall’84’ s.v. prende un preziosissimo fallo in difesa.

Conte 7

Tatticamente la vince lui. Lascia la palla agli avversari e l’Inter riparte tutte le volte che può. Un goal su corner e due volte Lukaku messo davanti al portiere avversario. Difesa solida ma questa non è una colpa anzi è un merito. Ha registrato un reparto che nella prima parte della stagione prendeva inspiegabilmente sempre goal. Indovina i cambi in particolare quello di Eriksen al posto di Vidal. La sua stella è seriamente a rischio.

Inter-Atalanta, il Pagellone (2)

Atalanta

Sportiello 6.5 spettacolare sul tentativo di autorete di Romero. Sulla rete dell’Inter assiste senza fare nulla.

Toloi 5.5 con due tentativi maldestri rischia di mandare in porta prima Martinez e poi Lukaku. Lo salva la buona sorte.

Romero 6.5 sarebbe da 7 ma è indeciso sulla rete interista. Fa un recupero pazzesco su Lukaku. Non molla mai. Rischia di fare l’autogoal del decennio.

Dijmsiti 7.5 il duello con Lukaku è epico e difende bene sul centravanti belga. Trova anche il tempo di proporsi in avanti e solo Brozovic sulla linea gli nega il goal.

Maehle 6.5 arriva spesso al cross e contiene bene Perisic.

De Roon 6.5 è praticamente ovunque, tipo Renzi un paio si mesi fa. Meno fastidioso di Renzi è decisamente efficace nei suoi raddoppi contro gli avversari

Freuler 7 recupera tantissimi palloni e corre fino alla fine senza risparmiarsi mai.

Gosens 5.5 si annulla con Hakimi. Sulla rete interista si fa anticipare da Bastoni che serve Skriniar.

Pessina 6 nel primo tempo va a pressare fino ad Handanovic. Nella ripresa cala fino quasi a sparire.

Malinovskyi 6 batte bene due corner nel finale e la Dea sfiora il vantaggio. Per il resto nulla.

Zapata 7 mette i difficoltà Skriniar nella prima parte del match. Sfiora il goal di testa e tira pericolosamente fuori nella ripresa. Esce stremato.

Ilicic dal 46′ 5 con il Milan fece una partita pazzesca. Questa sera ha trovato ben altri avversari e non combina praticamente nulla.

Muriel dal 70′ 6 impegna Handanovic con un diagonale.

Miranchuk dal 70’ s.v.

Pasalic dall’81’ s.v.

Palomino dall’81’ s.v.

Gasperini 6

La sua squadra ha spesso il pallino del gioco ma non riesce a capitalizzare le occasioni. Occasioni che comunque nascono solo su corner. Dopo la rete interista L’Atalanta riprende il suo fraseggio senza creare nessuna azione pericolosa, a parte il tiro di Muriel. Le sostituzioni non cambiano il destino della partita.

RISULTATI SERIE A: 26^ GIORNATA

  • Roma Genoa 1-0 – 24′ G. Mancini
  • Crotone Torino 4-2 – 26′ rig. Simy (C), 45′ Mandragora (T), 54′ Simy (C), 80′ Reca (C), 84′ Sanabria (T), 94′ Ounas (C). Note: 93′ esp. Rincon (T)
  • Fiorentina Parma 3-3 – 28′ Martinez Quarta (F), 32′ rig. Kucka (P), 42′ Milenkovic (F), 72′ Kurtic (P), 90′ Mihaila (P), 94′ aut. Iacoponi (F)
  • Verona Milan 0-2 – 28′ Krunic, 50′ Dalot
  • Sampdoria Cagliari 2-2 – 12′ Joao Pedro (C), 78′ Bereszynski (S), 80′ Gabbiadini (S), 96′ Nainggolan (C)
  • Napoli-Bologna 3-1
  • Juventus-Lazio 3-1 
  • Udinese-Sassuolo 2-0  – 42’Llorente ’93 Pereyra
  • Spezia-Benevento 1-1   –  71’Verde (B)   24′ Gaich (S)
  • Inter-Atalanta 1-0

[themoneytizer id=”68124-28″]


Enrico Zerbo
Ligure, ama i gatti, la buona cucina e le belle donne. L'ordine di classifica è a caso. Come molte cose della vita. Antifascista ed incensurato.

Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli