Quotidiano on-line ®

24.6 C
Rome
giovedì, Luglio 7, 2022

Coppa Italia, Atalanta-Lazio 3-2, indomabili orobici. Il Pagellone

Dopo aver travolto il Milan in campionato nello scorso weekend, l’Atalanta raggiunge anche la semifinale di Coppa Italia battendo la Lazio, nonostante l’espulsione di Palomino al 53′ ch lascia in 10 gli orobici per quasi tutta la ripresa.  Per i biancocelesti occasione persa e ancora troppi alti e bassi in questa anomala stagione. Atalanta-Lazio 3-2, il Pagellone.

Coppa Italia, Atalanta-Lazio 3-2, indomabili orobici. Il Pagellone

Atalanta-Lazio 3-2, il Pagellone.

Atalanta-Lazio 3-2  (Dijmsiti 7’, Muriqi 17′, Acerbi 34′, Malinovskyi 37′, Miranchuk 57′)

[themoneytizer id=”68124-2″]

Gollini 7 subisce pochi tiri. I laziali concretizzano pochissimo ma nel finale ha il guizzo che porta la sua squadra in semifinale. Sicuro nelle uscite.

Dijmsiti 7 goal da vero attaccante ed è puntualissimo nel chiudere sugli avversari quando attaccano.

Romero 7 nel Genoa era famoso per errori che avrebbero fatto la fortuna di trasmissioni come “Mai dire goal”. Quel giocatore non esiste più. La versione orobico di Romero è un difensore che si batte, imposta, segna ed è ovunque. E qui c’è la mano dell’allenatore.

Palomino 4 prestazione da dimenticare. Sul pareggio laziale si fa superare dell’attaccante avversario e stende Lazzari per un rosso inevitabile.

Maehle 5.5 non attento sul goal di Acerbi. Partita volenterosa chiude sulle incursioni avversarie.

Freuler 6 ha carattere da vendere il ragazzo e lo dimostra quando la sua squadra rimane in inferiorità numerica.

Pessina 5.5 corre tanto ma sbaglia anche tanto ad esempio sul secondo goal laziale.

Gosens 6.5 quando trova spazi crea sempre pericoli agli avversari. Nel finale si sacrifica molto per contenere gli attacchi capitolini.

Malinovskyi 7 gioca molto per la squadra e segna un goal pesante. Giocatore in crescita.

Miranchuk 7 dovrebbe essere il vice Ilicic. Si muove bene, ha tecnica e segna il terzo goal degli atalantini.

Muriel 7 fa reparto da solo e quando è chiamato in causa non si tira indietro. Bella giocata sul secondo goal atalantino.

De Roon dal 59′ 6 alza la diga e non passa nessuno.

Zapata dal 60′ 5 ingresso disastroso del panterone colombiano. Non tiene mai la palla, non è mai pericoloso e si fa parare un rigore. Si può fare peggio?

Toloi dal 63′ 6 si piazza in mezzo alla difesa e spazza palloni potenzialmente pericolosi.

Caldara dall’88 s.v.

Gasperini 7 indovina la formazione iniziale e gestisce bene i cambi e tatticamente chiede ai suoi di non farsi schiacciare e di giocare il pallone. La sua squadra cambia gli interpreti ma la sinfonia è sempre la stessa.

Coppa Italia, Atalanta-Lazio 3-2, indomabili orobici. Il Pagellone

Lazio

Reina 6.5 sulle reti subite non può nulla. Neutralizza il rigore di Zapata e tiene i suoi in gioco fino alla fine.

Patric 5.5 in difficoltà prende un giallo nel primo tempo e costringe Inzaghi a sostituirlo per evitare guai peggiori.

Hoedt 4.5 forse è più lento di Platinette per cui soffre molto la velocità degli attaccanti nerazzurri. Prestazione da dimenticare.

Acerbi 7.5 se i suoi compagni avessero il suo stesso spirito sarebbe passata la Lazio. Segna , difende, inventa è ovunque e non molla mai. Eroico.

Marusic 5 in fase di spinta non combina nulla. Meglio se deve rompere. Il gioco.

Milinkovic 6 partita sostanzialmente anonima. Non riesce a dare anima alla manovra. Nel finale cerca di sfruttare i suoi centimetri. Tentativo vano.

Escalante 5 va in crisi perché non riesce a contrastare le ripartenze veloci degli avversari.

Akpa Akpro 5 tecnicamente sembra un giocatore di calcio gaelico. Grezzo e sgraziato quando il livello si alza sparisce dalla scena.

Fares 4 gioca talmente bene che la sua partita dura 45 minuti.

Pereira 5 completamente avulso dal gioco della squadra.

Muriqi 6 con il primo pallone toccato segna L’Atalanta con il secondo pareggia la Lazio. Si batte contro i difensori avversari.

Parolo dal 46′ 5 entra e prende un giallo. Poco dopo rischia il secondo giallo. Inutile.

Lazzari dal 46’ 6.5 provoca il rosso di Palomino e da profondità agli attacchi laziali

Correa dal 62′ 5.5 entra con la Dea in inferiorità numerica ma non riesce a dare qualità alla manovra. Teoricamente avrebbe i numeri per farlo ma è il classico giocatore meteopatico.

Immobile dal 70′ 5 non ha fatto neppure un tiro in porta.

Lulic dall’80’ s.v.

Inzaghi 5

Ridisegna la squadra ma i prescelti tradiscono su tutta la linea. Centrocampo senza qualità, la scelta di Hoedt contro un giocatore veloce come Muriel lo mette in corsa per il premio Rommel 2021. In superiorità numerica la Lazio non è mai praticamente pericolosa. I goal vengono da prodezze dei singoli.


Coppa Italia, Quarti di finale

Atalanta-Lazio 3-2

Inter-Milan 2-1

Juventus-Spal 4-0

Napoli-Spezia 

 

Actarus
Actarus
Alleva cavalli, guida astronavi, combatte per l'umanità, appassionato di sport e malato di calcio.

Ti potrebbe anche interessare

Seguici sui Social

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Ultimi articoli