15.5 C
Rome
giovedì 15 Aprile 2021
SportBallardini e Preziosi? No, Richard Burton e Liz Taylor

Ballardini e Preziosi? No, Richard Burton e Liz Taylor

Si amano, si cercano, poi si odiano e si lasciano, per poi ricominciare. No, non è la travagliata storia d’amore tra Richard Burton e Liz Taylor ma quella tra Ballardini e Preziosi, l’allenatore a intermittenza del Genoa ormai da 10 anni a questa parte e il presidente del Grifone.

Ballardini e Preziosi, odio et amo

L’antefatto, ormai prevedibile, arriva dalle ore mattutine:  Rolando Maran non è più l’allenatore del Genoa. Questa mattina è arrivato ufficialmente l’esonero: ​Il Genoa Cfc comunica di aver sollevato dall’incarico il tecnico Rolando Maran. La Società ringrazia l’allenatore e il suo staff per l’impegno dimostrato. Il suo posto è stato preso da Davide Ballardini  che tornerà in rossoblù per la quarta volta in carriera. Firmerà fino al 30 giugno con rinnovo in caso di salvezza.

Tutto iniziò l’8 novembre del 2010 quando Preziosi chiamo l’allenatore romagnolo al posto dell’esonerato Gasperini che aveva perso a Palermo. Zio Balla, come fu soprannominato dai tifosi genoani,   di poche parole e modi spiccioli, raddrizzò la stagione, sugellata dalla vittoria nei due derby, con i rossoblù decimi a 51 punti.

Quando con mia moglie guardavamo Genova, mi dicevo quanto fossi stato fortunato a stare in quella città per allenare il Genoa” ricorderà l’allenatore, in un afflato d’amore con la città

E invece Preziosi doveva sentirsi proprio come Richard Burton lontano dalla Litz:  E’ una bella ragazza, ma ha il doppio mento, un seno esagerato e le gambe troppo corte. Faccio fatica a considerarla come la creatura più bella che abbia mai visto.

Ballardini non venne confermato, tra lo sconcerto della tifoseria.

Passano tre anni e tornano i problemi. Il 21 gennaio del 2013 viene esonerato Gigi Delneri e Preziosi richiama il tecnico ravennate che non delude: il battesimo del fuoco è con la Juve a Torino il grifone strappa un bel pareggio, 1-1. Il campionato sarà comunque difficile ma il Genoa si salva grazie ai 21 punti in 17 partite di Ballardini con un turno di anticipo.

Ma Liz Taylor ne aveva anche lei per Burton. Una volta disse: Il problema non è ottenere l’uomo che vuoi. Il problema è volere l’uomo una volta che l’hai ottenuto! Ma questo non valeva solo per lei. Infatti nuovamente Preziosi saluta zio Balla.

C’era da legarsela al dito ma si sa, nel calcio la memoria è quanto di più volubile ci sia.  Nel 2017 i rossoblù con Juric sulla panchina sono in crisi profonda e il 6 novembre alla vigilia della delicata sfida di Crotone, scontro diretto per salvarsi, Preziosi richiama per la terza volta Ballardini.

Richard Burton e Liz Taylor No, Ballardini e Preziosi

A Crotone vince 1-0 grazie a un gol di Rigoni e la squadra, alla fine, si salva con 4 giornate di anticipo. Che succederà stavolta?

Non divorzierò mai da Richard Burton, disse Liz in un momento di amore estremo verso il suo amato.

Richard Burton e Liz Taylor No, Ballardini e Preziosi

Si convince anche Preziosi che stavolta conferma il tecnico.  Siamo nel 2018  e l’inizio, grazie ai gol di uno sconosciuto Piatek, è entusiasmante: 12 punti in 7 partite. Ci siamo stavolta! Eh no… Genoa-Parma 1-3, sconfitta inaspettata. Non sarebbe nulla di drammatico per il grifone che ne ha viste di peggio nella sua storia, ma il presidente la pensa diversamente.

Preziosi lo caccia e lo definisce scarso. Il Genoa si salverà con Prandelli solo all’ultima giornata grazie alla sconfitta dell’Empoli con l’Inter.

Storia finita? L’anno scorso Preziosi ci riprova: chiama Ballardini ma stavolta il mister scrolla le spalle: senza garanzie non se ne fa nulla.

Mi sono sposata otto volte perché la mia moralità mi impedisce di avere delle avventure. Come Liz anche Ballardini ne fa una questione di progetto e serietà: basta avventure.

Eppure, stamattina è successo ancora: Ballardini e Preziosi atto IV°. Il presidente stavolta lo ha rassicurato, si ricomincia per l’impresa più difficile di zio Balla ovvero scalare una classifica che piange da qualsiasi punto la si osservi.

Sarà l’ultimo capitolo di questa tormentata storia?

 

 

 



Marquez
Marquez
Corsivista, umorista instabile.

Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli