15.1 C
Rome
domenica 28 Febbraio 2021
Pan Il Remdesivir si produce con 6 euro ed è rivenduto a 2100
Condividi sui social

Il Remdesivir si produce con 6 euro ed è rivenduto a 2100

Condividi sui social

La polemica era scattata già alcuni mesi fa con la denuncia dell’ex ministro della Salute Giulia Grillo: perché l’Italia deve pagare il Remdesivir 2100 euro, un farmaco che ne costa 6? Sull’argomento è tornato il Segretario di Rifondazione Comunista, Maurizio Acerbo.

Il Remdesivir si produce con 6 euro ed è rivenduto a 2100

Quanto costa Remdesivir? Perche le forniture di vaccini in ritardo?

Prima questione: come fissa la Commissione europea di Ursula il prezzo da pagare per un farmaco?

Il compagno Marc Botenga, parlamentare europeo del nostro gruppo The Left, ha posto la questione per il Remdesivir (Veklury), il primo farmaco a cui l’Agenzia Europea del Farmaco (EMA) ha concesso l’autorizzazione, subordinata a condizioni, all’immissione in commercio per la terapia della COVID-19.

Ricordiamo che questo farmaco ha un costo di produzione pari a 6 euro, eun prezzo di acquisto che sale a 2100 euro.

La risposta: Le negoziazioni hanno tenuto conto del prezzo annunciato pubblicamente da Gilead.
Dunque Gilead ha deciso unilateralmente?

Il Remdesivir si produce con 6 euro ed è rivenduto a 2100

Secondo punto: anche la multinazionale statunitense Moderna ha comunicato il ritardo nella fornitura ai paesi dell’UE. Questo ritardo si somma a quello delle altre multinazionali.
Dunque, non solo si è consentito a questi giganti privati di rivendere ai paesi vaccini finanziati dagli stati stessi, ma si continua a dare priorità ai profitti delle grandi imprese rispetto alla salute di tutte e tutti.

Bisognerebbe sospendere il valore dei brevetti e consentire a tutte le industrie farmaceutiche e a tutti i paesi (anche quelli poveri) di produrli.

All’organizzazione mondiale del commercio (Wto) lo hanno chiesto l’India e il SudAfrica. Lo chiede il Papa. L’Unione Europea e l’Italia no.

È così la Commissione Europea guidata da Ursula, quella che la pseudosinistra venera, gestisce la pandemia? Facendo fare affari alla multinazionali a spese dei cittadini?
Così hanno gestito l’acquisto dei vaccini.
Noi definiamo neoliberista la politica al servizio di capitalismo finanziario e multinazionali.

Firmate l’iniziativa europea dei cittadini (ICE): NESSUN PROFITTO SULLA PANDEMIA 
#Right2Cure
Per maggiori info il video della presentazione della campagna: vedi link

 

 

Condividi sui social


Maurizio Acerbo
Maurizio Acerbo
Segretario nazionale di Rifondazione Comunista- Sinistra Europea. Attivista, agitatore culturale. Comunista democratico, libertario e ambientalista. Marxista psichedelico.

Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli

Condividi sui social