-2 C
Rome
venerdì 21 Gennaio 2022
PolisNo a Giuseppe Conte: Renzi vuole mandato esplorativo ad altro nome

No a Giuseppe Conte: Renzi vuole mandato esplorativo ad altro nome

Sta per terminare il primo giro di consultazioni al Quirinale ma la partita resta ingarbugliata. Ieri è stata la giornata tanto attesa di Matteo Renzi, che ha sparigliato ulteriormente le carte, ribadendo il suo no a Giuseppe Conte, almeno in questa fase.

Renzi: No a Giuseppe Conte

Matteo Renzi  stoppa per il momento le aspirazioni di Giuseppe Conte che vorrebbe a restare a palazzo Chigi. Serve prima un chiarimento politico con gli ex alleati, per verificare se c’è ancora una maggioranza, e solo in quel caso, Pd e M5s dovrebbero chiedere l’impegno di Italia viva. Dunque, per ora, secondo la strategia renziana, andrebbe dato un incarico esplorativo a un altro nome, che però non è stato fatto.

[themoneytizer id=”68124-2″]

Il cerino è rimasto nelle mani di dem e pentastellati, sta a loro fare un passo. Renzi lo ha detto chiaramente ieri durante i 27 minuti davanti alle telecamere e ai giornalisti, dopo il colloquio con il Capo dello Stato al Quirinale:

Noi siamo pronti ad appoggiare un governo, ma questa proposta politica necessita il passaggio ulteriore di capire se vogliono stare o no con noi. Devono confrontarsi con noi, non con gli hashtag. Poi discuteremo delle persone. Io non vedo altra maggioranza politica che non contempli Italia viva.

Davanti ai giornalisti Renzi ha polemizzato sul trattamento mediatico riservatogli dagli ex alleati.

Abbiamo subito 15 giorni di fango solo perché siamo stati gli unici a porre problemi di merito. Abbiamo sentito ‘mai più con Italia viva’, poi ‘Iv è irresponsabile e inaffidabile’. Ma noi non siamo nè inaffidabili nè irresponsabili ma molto chiari e diretti: abbiamo sentito parole su di noi al limite dell’insulto.

Renzi ha poi ribadito quali sono le priorità, ribadendo che l’importanza del parlare di contenuti, tra cui anche il Mes, e che il vero tema di cui bisognerebbe occuparsi sono i 209 miliardi del Recovery, perché – e maliziosamente ha citato Mario Draghi – se verranno spesi male si farà debito cattivo.

Dunque Renzi non vuole elezioni ma  un governo politico, ma a Mattarella non ha fatto nomi, tantomeno quello di Conte, poiché siamo ancora nella fase precedente,  spiegando di non avere pregiudizi su una eventuale maggioranza composta anche dai responsabili del gruppo Europeisti. L’unico no è a maggioranze raccogliticce o populiste. Aggiunge, chiarendo ancor di più la posizione del partito, il presidente Iv Ettore Rosato: Non siamo ancora disponibili a un governo con Conte.

No a Giuseppe Conte: Renzi vuole mandato esplorativo ad altro nome

A fine giornata traspare il nervosismo del segretario PD Zingaretti. Il leader dem non si concede alle domande dei giornalisti, ribadisce che il Pd è per il Conte ter. Allora è il vicesegretario Andrea Orlando a rispondere:

Per riprendere Renzi in maggioranza bisogna capire se Renzi pone un veto su Conte o no. Ma se con Renzi i numeri della maggioranza restano risicati, si continuerà a ballare e per questo vogliamo un allargamento della maggioranza. L’ultima parola naturalmente spetta a Mattarella ma ci sono più scenari e si rischia di rotolare ad elezioni.

Dai 5 stelle, attesi al Colle oggi per l’ultimo giorno di consultazioni, non è arrivata alcuna replica ufficiale. Al momento, però, la linea dei 5 stelle non cambia, viene assicurato: sostegno a Conte per il ter. Ed è il suo nome che la delegazione M5s farà a Mattarella.

Resta però l’imbarazzo per la situazione e per la strategia gommosa renziana:  se prima spettava al rottamatore dire sì o no a Giuseppe Conte, ora l’affare si complica ed è lui a chiedere al resto della maggioranza, e in ultima analisi proprio a Conte, di pronunciarsi sulla presenza di Italia Viva nel governo.

La posizione dei Cinque Stelle, nei giorni scorsi, è stata netta: non si torna con chi si è dimostrato inaffidabile e irresponsabile. Ma se la maggioranza non riesce ad allargarsi, e si vuole a tutti i costi salvare la legislatura, è ancora di una posizione sostenibile?


Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli