18.6 C
Rome
martedì 7 Settembre 2021
PolisLavoro, diritti, economiaEnrico Michetti candidato sindaco a Roma: il professore che ama il saluto...

Enrico Michetti candidato sindaco a Roma: il professore che ama il saluto romano

Enrico Michetti candidato sindaco del centrodestra a Roma. Il magistrato Simonetta Matone sarà invece il candidato vicesindaco.

Enrico Michetti candidato sindaco a Roma

“Piena sintonia nel centrodestra che ha scelto Enrico Michetti candidato sindaco per Roma Capitale, in ticket con Simonetta Matone che sarà prosindaco”, ha detto il segretario della Lega Nord Matteo Salvini.

Enrico Michetti e Simonetta Matone “sono due professionisti straordinari, con curriculum straordinari” ma “anche capaci di parlare coi cittadini“. Lo ha detto la leader di Fdi Giorgia Meloni al termine del vertice del centrodestra a proposito del candidato sindaco e della candidata vicesindaco a Roma.

Nel suo primo intervento dopo la candidatura, Michetti ha dichiarato: “Ho sentito la città che mi fermava, come si fa a dire di no a Roma? Da città eterna le restituirò il ruolo di Caput mundi, voglio spolverare questa città e riportarla agli antichi fasti”, aggiungendo che riporterà la città a essere “la città dei Cesari, dei grandi papi, della cultura, della scienza, e questo ruolo Roma ce l’ha perché sta nell’humus della città eterna”.

Enrico Michetti candidato sindaco a Roma: il professore che ama il saluto romano

Chi è Enrico Michetti?

Non lo conosco“, ha detto il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri di Enrico Michetti. Ma, in realtà, forse perché bruciato dalla mancata candidatura che pure aveva toccato il suo nome, Gasparri ben conosce il candidato in pectore del centro-destra.

Enrico Michetti candidato sindaco a Roma: il professore che ama il saluto romano

Michetti è un avvocato esperto di diritto amministrativo, professore esterno di Diritto pubblico e dell’innovazione amministrativa al corso di Economia aziendale della sede di Frosinone dell’Università di Cassino, ed è anche fondatore e presidente della “Fondazione Gazzetta Amministrativa, una piattaforma online che si occupa di pubblica amministrazione.

In passato è stato anche consulente dell’Associazione nazionale comuni italiani (ANCI), del sindacato autonomo di Polizia (SAP), dell’Autorità garante per le comunicazioni (AGCOM), del commissario delegato alla gestione dell’emergenza idrica nel Lazio e dal 2005 al 2009 vicepresidente di ACEA, la società che gestisce il sistema idrico di Roma.

Il suo nome è sconosciuto nel resto d’Italia, ma a Roma gode di una certa notorietà, come opinionista di Radio Radio, un emittente locale tipica della realtà romana dell’etere, molto ascoltata, dove i programmi parlano soprattutto delle due squadre di calcio della città, la Roma e la Lazio, con alcuni spazi dedicati alla cronaca e alla politica locale.

In uno di questi programmi, condotto dal direttore della radio Ilario Di Giovambattista, uno degli opinionisti di punta è Michetti, che interviene sulle materie più varie, dalla politica alla sanità.

Enrico Michetti candidato sindaco a Roma: il professore che ama il saluto romano

In alcuni di questi interventi ha espresso posizioni  complottiste sulla pandemia da coronavirus, definendo la COVID-19 “un’influenza“,  in altre ha paragonato la vaccinazione di massa contro il coronavirus al doping degli sportivi dei paesi dell’Est quando c’era l’Unione Sovietica, dicendo che i cittadini italiani non sono “una persona da prendere e vaccinare come una vacca coattivamente contro la sua volontà o somministrargli qualsiasi altra cosa come facevano con le atlete del mondo dell’Est. E poi si sono visti i risultati ad anni di distanza, quelle povere ragazze che fine hanno fatto“.

In un’altra puntata aveva difeso il saluto romano, dicendo che “se per qualcuno è rievocativo del nazismo o del fascismo, è un problema suo. I romani quando inventavano le cose rasentavano la perfezione. Salutavano in quel modo perché era il modo più igienico“.

Alla notizia della sua candidatura, immediatamente sono arrivate notizie di inchieste e procedimenti giudiziari. Una cosa abbastanza sospetta per le tempistiche. Ma questa è un altra storia. Più ne dettaglio, nel 2013 l’antiriciclaggio ha segnalato alcune movimentazioni sospette tra gazzetta amministrativa srl di Michetti e i conti personali dell’avvocato “senza alcun motivo giustificativo“.

Alcuni protocolli sono finiti al vaglio dell’autorità nazionale anticorruzione, in tre delibere, datate 2018. La contestazione riguarda gli enti pubblici che avrebbero scelto senza un’opportuna analisi di mercato. Delibere che riguardano, in alcuni casi, la fondazione, in altri l’azienda.

Leggi anche


Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli