24.2 C
Rome
venerdì 30 Luglio 2021
PolisElection Day: il solito inutile articolo del lunedì sull'affluenza

Election Day: il solito inutile articolo del lunedì sull’affluenza

Election Day:  come si costruisce un articolo in una giornata elettorale a urne ancora aperte? Ci sono dei classici senza tempo che ci accompagnano fedelmente da anni.

Si comincia con l’introduzione che dice già tutto ed è anche quella cosa che i lettori leggono. Tolta l’intro, nel corpo dell’articolo si potrebbe scrivere qualsiasi cosa – prematurata la supercazzola con scappellamento a destra, come se fosse antani -senza che se ne accorga nessuno, a parte gli staff della comunicazione dei vari soggetti coinvolti nell’evento elettorale e quelli che aspettano la #maratonamentana come fosse la finale della Champions League.

Election Day: i dati introduttivi

Elezioni regionali e Referendum costituzionale sul taglio dei parlamentari del 20 e 21 settembre 2020. Si vota in Toscana, Liguria, Veneto, Puglia, Campania, Marche e Valle d’Aosta, al referendum si vota “Sì” per tagliare il numero degli eletti in Parlamento, “No” per lasciare invariato il numero dei parlamentari. Oggi si vota dalle 7 alle 23 e si prosegue domani dalle 7 alle 15, dopodiché inizieranno le operazioni di spoglio. Si vota anche per le amministrative in 1177 Comuni. Affluenza alle 23 è sotto il 40%.

Lunedì elettorale: le analisi degli esperti.

Il lunedì è il giorno in cui Aleessandra Ghisleri, il decano Piepoli e la maggior parte dei sondaggisti sono d’accordo nel dire che, in base ai dati dell’affluenza, fare previsioni sul voto, soprattutto nelle Regioni ancora considerate in bilico, è impossibile per varie ragioni. E spiegano con dovizia di particolari come questi particolari siano ininfluenti.

Ci ha pensato Di Maio a dare qualche indicazione sul referendum: se va sopra il 40% vince il Sì.

Le foto dal seggio elettorale

Ogni articolo che si rispetti a tema elezioni, non può non avere il classico dei classici: la foto del Presidente del Consiglio all’ingresso nel suo seggio elettorale.

Il nostro premier non è stato da meno con questo scatto condiviso su twitter.

Di Maio invece si è fatto instagrammare in video. Il Ministro degli Esteri ha votato per le elezioni regionali e per il referendum a Pomigliano D’Arco, Napoli.

Sono trent’anni che l’aspettiamo, ha detto, alzando la scheda per il referendum prima di inserirla nell’urna.

https://www.instagram.com/tv/CFWwGk5I_xS/?utm_source=ig_embed

Un pensiero anche per Silvio Berlusconi,  ancora in isolamento dopo essere stato dimesso questo lunedì dalla clinica dell’Istituto San Raffaele di Milano, dove è stato ricoverato agli inizi di settembre per polmonite bilaterale causata dal COVID-19.

Berlusconi ha mantenuto il silenzio elettorale, ma ha voluto condividere una riflessione sulla politicizzazione del referendum.

Con il referendum – ha detto il leader di Forza Italia – la parola passa dai partiti ai cittadini ed è giusto che gli italiani si esprimano su un tema costituzionale in base alle loro convinzioni e non all’appartenenza politica.

La nota di colore

Se siete arrivati a questo punto è probabile che voi stessi siate candidati a queste elezioni. Allora saprete già che in questa parte dell’articolo c’è la nota di colore per ravvivare un po’ il testo.

Questa volta ci ha pensato un habituè del colore in ambito sportivo a dare materiali per i media, ovvero il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis che con un tweet ad urne aperte schiera tutto il Napoli, non solo se stesso, a favore del Presidente della regione uscente, Vincenzo De Luca.

Immaginiamo Osimehn, centravanti del Napoli, nigeriano, appena arrivato dal Lille, convinto sostenitore di De Luca…

[wp_ad_camp_2]

Le conclusioni

Vi abbiamo risparmiato la parte dell’Election Day sul voto in sicurezza con l’intervista ai presidenti di Seggio, sulle misure anti covid, le difficoltà organizzative ma anche la determinazione a svolgere consenso civico il proprio compito.

Siete stati veramente stoici, vi meritate la visione della #maratonamentana accompagnata da pop corn e bevanda frizzante.

Ps: Election Day,ma perché questi anglicismi? Ma come parliamo?! Il Michele Apicella di Palombella Rossa ci avrebbe già dato uno sganassone

 

 

[wp_ad_camp_5]


Alexandro Sabetti
Vice direttore di Kulturjam.it -> Ha scritto testi teatrali e collaborato con la RAI e diverse testate giornalistiche tra le quali Limes. Ha pubblicato "Il Soffione Boracifero" (2010), "Sofisticate Banalità" (Tempesta Editore, 2012), "Le Malebolge" (Tempesta Editore, 2014).

Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli