15 C
Rome
domenica 28 Febbraio 2021
News Usa, la spirale del sangue: polizia uccide altro afroamericano. Video shock
Condividi sui social

Usa, la spirale del sangue: polizia uccide altro afroamericano. Video shock

Condividi sui social

Usa, ad Atlanta la polizia spara alla schiena e uccide un altro afroamericano. Il video shock dilaga in rete

Usa, video shock

Dormiva in auto e invece di aiutarlo l’hanno ucciso, così hanno protestato i manifestanti riuniti su luogo del nuovo omicidio da parte della polizia.

Secondo le prime ricostruzioni e le immagini dei video acquisite dagli inquirenti, Rayshard Brooks, 27 anni, stava dormendo nella sua auto in un parcheggio di uno dei ristoranti della catena Wendy’s quando la polizia è arrivata sul posto.

Dopo essere risultato positivo al test alcolico, Brooks si è ribellato all’arresto da parte degli agenti.

Gli agenti hanno provato ad utilizzare il taser ma l’uomo è riuscito a divincolarsi dalla presa e mentre scappava è stato colpito alla schiena da tre colpi di arma da fuoco sparati da uno degli agenti.

Nonostante l’immediato trasporto in ospedale e l’intervento chirurgico, Brooks è morto.

Il video shock diffuso dai testimoni ha fatto il giro del web, costringendo alle dimissioni immediate il capo della polizia della città. Sospeso l’agente che ha sparato.

Usa, video shock: Rayshard Brooks colpito a morte

 

In piazza da giorni per George Floyd, l’America si ritrova così di fronte a un nuovo incidente destinato a rinfocolare gli animi e a sollevare ulteriori polemiche contro le forze dell’ordine.

Immediate le proteste ad Atlanta ed i primi incidenti.

Usa, video shock rayshard brooks

Black lives matter

In piazza negli Usa e in Francia. Parigi blindata, 15.000 a place de la République, 12 fermi. A Londra estrema destra in ‘difesa’ dei monumenti, tensioni con la polizia. Le proteste antirazziali arrivano anche in Africa: oltre 50 paesi hanno chiesto all’Onu di “discutere urgentemente” del tema del razzismo e delle violenze commesse dalla polizia.

Condividi sui social


Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli

Condividi sui social