8.9 C
Rome
venerdì 5 Marzo 2021
News Salvini come la tiktoker: non mando mia figlia a scuola se c'é...

Salvini come la tiktoker: non mando mia figlia a scuola se c’é obbligo di mascherina

Tra un bagno al mare e un’annusata di pecorino, continua la campagna elettorale di Matteo Salvini. Stavolta ha promesso che non manderà la figlia a scuola in caso di obbligo di mascherina.

Salvini: non mando mia figlia a scuola…

La campagna elettorale permanente di Matteo Salvini questa volta lo ha portato Trani: arrivato nella giornata di ieri a bordo di uno yacht, non si è lasciato sfuggire la possibilità di un tuffo nel mare tranese, in zona Monastero.

Il leader della Lega si è concesso poi il solito giro di selfie e video in costume da bagno, una delle sue specialità più riuscite. Quasi sempre senza mascherina e in piccoli assembramenti, e anche questa non è una novità.

Salvini come la tiktoker: non mando mia figlia a scuola se è obbligatoria la mascherina
Matteo Salvini e la prova del pecorino pochi giorni fa in un caseificio in provincia di Pisa

Nel pomeriggio, intervenendo dal palco montato in piazza Teatro a sostegno dei candidati pugliesi alle elezioni regionali e comunali, ha sciorinato i soliti mantra della sua comunicazione, adattati al contesto locale:

Chi sceglie la Lega in Puglia – ha detto – sceglie prima gli italiani, nella situazione delle case popolari, dei posti di lavoro, dei bonus pubblici, prima verranno i pugliesi e poi tutti gli altri.

Ha poi ricordato dell’imminente procedimento giudiziario a Catania per il caso Open Arms:

Vi dico che vado in quel tribunale a testa alta perché ho difeso il mio paese e la mia storia, la mia cultura, la mia sicurezza e la mia identità e sono convinto di avere rappresentato milioni di italiani.

E infine, la bordata finale indirizzata alla ministra Azzolina, con la quale i toni sono concitati da diverso tempo; dopo aver rilanciato la bufala delle scatole di plexiglas in cui sarebbero chiusi i bambini (che non è in alcun documento ufficiale), Salvini, come un tiktoker qualsiasi e non come il leader del primo partito di maggioranza relativa nei sondaggi, ha promesso di non mandare la figlia a scuola nel caso in cui il protocollo prevedesse l’utilizzo obbligatorio della mascherina:

L’ho detto: se costringono mia figlia e i vostri figli di sette anni ad andare a scuola chiusa nel plexiglas, con la mascherina e con i banchi con le rotelle, io a scuola non ce la mando.

Di proposte nemmeno una ovviamente. Ca va, rien à dire, rien à faire



Marquez
Marquez
Corsivista, umorista instabile.

Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli