10.8 C
Rome
mercoledì 14 Aprile 2021
NewsPapa Francesco a Mosul: la morte non ha mai l'ultima parola

Papa Francesco a Mosul: la morte non ha mai l’ultima parola

Il Pontefice è arrivato nel Kurdistan iracheno, tra le macerie della città devastata dal conflitto: “Iraq culla della civiltà, colpito da una tempesta disumana, ma la fraternità è più forte del fratricidio“. Accogliendo Papa Francesco a Mosul, Barzani ha dichiarato: “Difendiamo la pace e la libertà di tutti“. La recita dell’Angelus nella città di Qaraqosh: “Il terrorismo e la morte non hanno mai l’ultima parola. L’ultima parola appartiene a Dio”.

 Papa Francesco a Mosul: la morte non ha mai l'ultima parola

Papa Francesco a Mosul

Queste le parole del Papa,  nel corso della preghiera per le vittime della guerra:

Oggi eleviamo le nostre voci in preghiera a Dio Onnipotente per tutte le vittime della guerra e dei conflitti armati. Qui a Mosul le tragiche conseguenze della guerra e delle ostilità sono fin troppo evidenti. Com’è crudele che questo Paese, culla di civiltà, sia stato colpito da una tempesta così disumana, con antichi luoghi di culto distrutti e migliaia e migliaia di persone, musulmani, cristiani, yazidi e altri annientati crudelmente dal terrorismo a sfollati con la forza o uccisi!.

Oggi, malgrado tutto, riaffermiamo la nostra convinzione che la fraternità è più forte del fratricidio, che la speranza è più forte della morte, che la pace è più forte della guerra. Questa convinzione – osserva il Papa – parla con voce più eloquente di quella dell’odio e della violenza; e mai potrà essere soffocata nel sangue versato da coloro che pervertono il nome di Dio percorrendo strade di distruzione.

Non è lecito fare la guerra in nome di Dio: prima di pregare per tutte le vittime della guerra in questa città di Mosul, in Iraq e nell’intero Medio Oriente, vorrei condividere con voi questi pensieri: Se Dio è il Dio della vita – e lo è –, a noi non è lecito uccidere i fratelli nel suo nome. Se Dio è il Dio della pace – e lo è –, a noi non è lecito fare la guerra nel suo nome. Se Dio è il Dio dell’amore – e lo è –, a noi non è lecito odiare i fratelli.

Ora  preghiamo insieme per tutte le vittime della guerra, perché Dio Onnipotente conceda loro vita eterna e pace senza fine, e le accolga nel suo amorevole abbraccio. E preghiamo anche per tutti noi, perché, al di là delle appartenenze religiose, possiamo vivere in armonia e in pace, consapevoli che agli occhi di Dio siamo tutti fratelli e sorelle.

Il tragico ridursi dei discepoli di Cristo, qui e in tutto il Medio Oriente, è un danno incalcolabile non solo per le persone e le comunità interessate, ma per la stessa società che si lasciano alle spalle.



Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli