3.1 C
Rome
martedì 9 Marzo 2021
News De Luca provoca: vecchi abbandonati 11 mesi e ora li vogliono a...

De Luca provoca: vecchi abbandonati 11 mesi e ora li vogliono a casa per Natale?

Il presidente della regione Campania Vincenzo De Luca provoca nuovamente con i suoi toni teatrali nell’ormai consueto aggiornamento in diretta su Facebook.

De Luca provoca ancora: vecchi abbandonati sempre, ora li vogliono a casa per ucciderli?

Il governatore della Campania Vincenzo De Luca, nel consueto punto su Facebook, fa il punto della situazione sull’emergenza sanitaria .Questi i punti principali del suo discorso:

A Natale e Capodanno dobbiamo ospitare i vecchi abbandonati? Che sono abbandonati per 11 mesi l’anno, ma ora se ne ricordano. Ma così si dà prova di irresponsabilità, altro che umanità. E’ chiaro che farebbe piacere a tutti stare raccolti in famiglia, ma dobbiamo dire in maniera bruta che questo significa aprire le porte delle terapie intensive e alla morte delle persone anziane. Altro che umanità.

Sul governo e sulle deroghe arriva puntuale la stoccata di De Luca:

Il governo è alle prese con una scelta sulla linea da seguire, la prevenzione o della rincorsa al contagio. La prevenzione ci consentirebbe di prendere misure tempestive, non all’ultima ora. Controllabili. Con ristori alle categorie che subiscono danno. Il rigore è sostenibile se è accompagnato da un risarcimento economico. Le mezze misure per non scontentare nessuno alla fine scontentano tutti, e allungano i tempi di fuoriuscita dall’epidemia. Il governo si sta preparando ad adottare questa seconda linea.

Altro stoccata sul Veneto mentre rivendica l’inversione di tendenza nell’indice dei contagi per la Campania:

In questo momento in Campania abbiamo un tasso del 6,6% di positivi. Abbiamo 119 ricoverati in terapia intensiva su 640 posti disponibili. Da molti giorni che non registriamo nessun ricovero in terapia intensiva. In Veneto sono il triplo, con un milione di abitanti in meno. Il Veneto è da sempre zona gialla… I cittadini del Veneto stanno pagando sulla loro pelle il propagandismo del governo nazionale e non solo.

 

 

 

 



Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli