7.1 C
Rome
sabato 6 Marzo 2021
News La Molisana e le Abissine Rigate, la pasta che omaggia il fascismo

La Molisana e le Abissine Rigate, la pasta che omaggia il fascismo

Vi siete già imbattuti nelle Abissine Rigate? La Molisana, uno dei marchi di pasta più noti in Italia, ha optato per un plateale rimando al fascismo.

Arrivano le Abissine Rigate

La Molisana, uno dei marchi di pasta più noti in Italia, soprattutto per la sua filiera corta di qualità, ha optato per una nuova discutibile (è un eufemismo) scelta di storytelling per i suoi prodotti, con un plateale rimando al fascismo.

Negli anni Trenta l’Italia celebra la stagione del colonialismo con nuovi formati di pasta: Tripoline, Bengasine, Assabesi e Abissine. […]. Di sicuro sapore littorio, il nome delle Abissine Rigate all’estero diventa Shells, ovvero conchiglie…    Questa è la descrizione che si può leggere sul sito dell’azienda.

Più nel dettaglio, per esempio, possiamo leggere sulle Tripoline: Il nome evoca luoghi lontani, esotici ed ha un sapore coloniale.

La Molisana tra Tripoline e Abissine Rigate, la pasta che omaggia il fascismo

La scelta del brand ha provocato, come probabilmente si aspettavano gli autori della campagna, immediate polemiche. Molti clienti della Molisana, dopo aver notato la cosa, hanno postato le foto incriminate sui social network con accuse di apologia fascista verso l’azienda.

Ovviamente le schede di presentazione dei prodotte  sono state quasi immediatamente rimosse, ma ormai il risltato era raggiunto e dunque il dubbio che non si sia trattato di una semplice svista, come dichiarato dall’azienda, rimane

Possiamo immaginare che La Molisana abbia stilato un piano di marketing dettagliato, utilizzando questi nomi e queste descrizioni ed è altamente improbabile che nessuno tra chi ha avuto l’idea, chi ha curato la grafica, le foto, l descrizioni, chi ha aggiornato il sito, chi ha supervisionato il risultato finale, non abbia notato la svista…

In un dichiarazione al quotidiano Repubblica la responsabile marketing della Molisana, Rossella Ferro è corsa ai ripari:

Non abbiamo alcun intento celebrativo quando parliamo di questi formati storici , nati negli anni ’30. E infatti abbiamo appena provveduto a cambiare le schede descrittive dei prodotti. L’errore è stato non ricontrollare tutte le schede affidate all’agenzia di comunicazione.

Ci permettiamo di dubitare, come chiunque conosco le logiche aziendali. Il caso ormai è montato e, per  un po’ di promozione in più, in base al sempre valido adagio, parlarne bene o parlarne male non importa, purché se ne parli,  si arriva a rendere omaggio a una delle pagine più buie della nostra storia.

 

 

 

 



Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli