24.5 C
Rome
lunedì 6 Settembre 2021
BiblosJosé Saramago, Manifesto dell'apprendista scrittore

José Saramago, Manifesto dell’apprendista scrittore

Manifesto dell’apprendista scrittore. Discorso per il nobel di José Saramago disponibile gratuitamente per Stampa Alternativa. Traduzione a cura di Sciaia.

Josè Saramago: Manifesto dell’apprendista scrittore (breve estratto)

Riesco ancora a vedere con chiarezza chi furono i miei maestri dei vita, quelli che più intensamente mi insegnano il duro mestiere di vivere, quelle decine di personaggi di romanzo e di teatro che in questo momento vedo sfilare davanti ai miei occhi, quegli uomini e quelle donne fatti di carta e inchiostro, quella gente che credevo di guidare d’accordo con le mie convivenze di narratore e obbedendo alla mia volontà di autore, come burattini articolati le cui azioni non potevano avere più effetto su di me che il peso sopportato e la tensione dei fili con cui li muovevo.

Umiltà gloriosa, fu quella di portare sotto braccio un’opera prima e vedersi ingiustamente rifiutato dal mondo. Umiltà ugualmente orgogliosa, e ostinata, quella di voler sapere a cosa serviranno i libri che scriviamo oggi, e subito dubitare che riescano a durare a lungo (fino a quando?) le ragioni rassicuranti che ci vengono date o che diamo a noi stessi.

Nessuno si inganna meglio di quando permette agli altri di ingannarlo.

Di scrittori, fango e fragilità per Elena Bibolotti: l'eternità

José Saramago

Nasce a Azinhaga, in Portogallo, nel 1922 ed è stato un importante scrittore, giornalista, drammaturgo, poeta, critico letterario, e traduttore portoghese. Muore il 18 giugno 2010 a Lanzarote.

Durante tutta la sua carriera, ha sempre unito l’attività di scrittore con quella dedita all’impegno politico. Ciò è evidente fin dal primo romanzo pubblicato nel 1947, fortemente criticato dal dittatore portoghese Salazar con il quale aveva forti contrasti.

Negli anni Sessanta diventa uno dei critici più seguiti del Portogallo. È solo negli anni Novanta che riesce a ottenere un clamoroso successo internazionale grazie a libri come Assedio di Lisbona, Il Vangelo secondo Gesù, e Cecità vincendo il Premio Nobel per la letteratura nel 1998.

Saramago aggiornava costantemente il suo blog per mantenere un contatto diretto con i propri lettori. Le pesanti critiche rivolte alla politica italiana di Silvio Berlusconi, gli causarono una rottura con la casa editrice Einaudi che traduceva e pubblicava i suoi romanzi. Attualmente i suoi libri sono pubblicati dalla casa editrice Feltrinelli.

Di scrittori, fango e fragilità per Elena Bibolotti: l'eternità

Manifesto dell’apprendista scrittore di José Saramago è disponibile gratuitamente in formato pdf su Strade bianche di Stampa alternativa.

Nuovi Bianciardini

 

 

 

 


Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli