27 C
Rome
domenica 6 Giugno 2021
BiblosI cinghiali di Roma alla conquista del mondo

I cinghiali di Roma alla conquista del mondo

La visione dei ripetuti filmati divenuti virali dei cinghiali di Roma e provincia impegnati in furti e fughe, ha provocato strane visioni nel nostro Daniele de Santis…

I cinghiali di Roma conquisteranno il mondo

Mi sono vaccinato. Uno degli effetti collaterali è stato che ho ricevuto una strana telefonata
da Chicago. Mi chiama Dick Wolf autore di Law & Order – I due volti della
giustizia (Law & Order la serie televisiva statunitense che viene trasmessa dal 1990  sul canale NBC). Per quello che ricordo – erano le tre di mattina ed è andata più o meno così:

DW: “Dani caro come stai, ho visto che ti sei vaccinato, pronto a ripartire ?, che ne dici di
fare una puntata italiana di Law e Order per quelli di Fox ?”

Daniele: ”Ah ciao, Dick non potremmo fare qualcosa di tranquillo, che ne so una spy story:
hanno preso uno della marina militare che faceva le fotocopie per i russi, il capo del
DIS è una donna, poi c’è un incontro segreto ad una pompa di benzina sulla A1… La
butto là: che fine hanno fatto Jepi & Jepi ? “.

DW: “Hi, caro Dani quelli sono prodotti di alto budget che vogliono attori che costano
milioni tipo Tom cruise, e poi le scrivono colleghi abbastanza bravi tipo Ian Fleming,
Tom Clancy, Ludlum. Io pensavo più ad uno spin off, una cosa easy, attori bravi, poche
scene, macchina a spalla, roba che si gira in tre quattro giorni. Non è che avete qualcosa
di interessante in Italia ?”.

Daniele: “Dick io ti voglio bene lo sai, hai usato già la mafia (e quella) dal mio punto di
vista riesce bene solo a Coppola e al vecchio Franco Rosi, (non Gianfranco); poi i processi
in Italia durano se va bene almeno trent’anni, posso fare di rapido solo la parte Order, tipo
tossico sfigato ammazzato di botte, anarchici che volano dalle finestre, il resto lo potresti
chiamare il porto delle nebbie, non arrivano mai alla sentenza definitiva”.

DW: “Dai, non fare il disfattista che fanno la riforma, inventa qualcosa,
ricordati però di non prendere casi spinosi, come il caso dei due ragazzini americani e il
carabiniere Cerciello Rega o la storia di Meredith a Perugia, quelle le facciamo noi”.

Daniele: “Ok mi ci metto e domani ti mando una cosa che non ti aspetti e che non avete già fatto male, come su Focus Crime e Mediaset. Ti mando uno script domani”.

DW: Ma che sia innovativa, non attribuibile a casi che non portano a nulla.

Daniele: Si si, ho capito: niente di politico. Senza scandali internazionali e senza Lucarelli e Blu notte che se no tolgo lavoro ai colleghi.

Spy story Italia-Russia la talpa che si vendette per due spiccioli

Ci ho pensato a lungo, non è facile come sembra. Ocalan no, stragi no, tutti i terroristi esclusi, amore criminale c’è già, chi l’ha visto pure, Lucarelli fa Cold case.
Devo trovare qualcosa che non sia politicizzato, in Italia?! Difficile, leggo i giornali di oggi…
aspè aspè ecco la notizia Bomba: Roma zona le rughe via cassia bis all’uscita del
supermercato una donna viene rapinata da un gruppo di cinghiali. Ideona, George Orwell ora me spicci casa!

 

 

Interno della volante. Perozzi e Manforti stanno aspettando di vedere il derby sul
telefonino con Dazn crackato.

Dalla radio: “Attenzione! Attenzione! A tutte le volanti: rapina in corso al parcheggio del
supermercato di Campagnano, località Le Rughe, sono pericolosi e armati.” I due partono
con le sirene spiegate e arrivano in quattro minuti. Trovano il crimine commesso e la
donna spaventata e spaurita, i malviventi fuggiti. “Dannati ce l hanno fatta un’altra volta”.

Tornano alla centrale dopo aver sequestrato i telefonini a tutti i presenti sulla scena della rapina.

Perozzi: “Dobbiamo fare il rapporto al capo dei servizi segreti, ci aspetta alla pompa di
benzina di Fiano Romano.”

In borghese e con gli occhiali da sole i due si recano con i telefonini sequestrati all’ appuntamento col capo dei servizi.

L’uomo vestito in completo azzurro li attende vicino allo sfiato del gas, i capelli mossi
dalla brezza del tramonto: “Ditemi ragazzi che è successo: sono di nuovo le brigate dei
terroristi cinghiali? Questa volta hanno colpito in pieno giorno. Che non lo sappiano i
comunisti che son capaci di scioperare in favore dei cinghiali”.

Manforti: “Tranquillo capo, abbiamo sequestrato tutto il materiale e fatto tacere tutti i
testimoni iniettandogli il siero per cancellargli la memoria facendolo passare per un antirabbica”.

Il capo dei servizi segreti: “Tutto questo è un problema che va eliminato, questi dannati
cinghiali sono sempre più aggressivi, pensate che l’altro giorno hanno scritto al presidente
Draghi chiedendo la restituzione della Sabina come terre espropriate dai romani senza
titolo, vogliono conquistare il mondo. Porci con i peli”.

Scena 2: un pony di Glovo scende dal motorino e suona ad un citofono: “Si signora la Pizza aaaahhhh!!! “.

Perozzi vede quello che rimane del ragazzo in terra: un casco, una tuta antipioggia e tanto
tanto sugo al pomodoro: “Maledetti porci gli hanno rubato anche il motorino“.

In una via di Roma nel quartiere Monte Mario durante una festa con gente che balla, si ode un forte rumore. Il barman, mentre serve uno spritz, viene aggredito da due cinghiali col
casco: “Dacci tutte le ghiande che hai e il denaro, questa non è una rapina ma una
sovvenzione al movimento di liberazione dei cinghiali!” 

La Raggi si dissocia: “Non è una storia che riguarda il comune di Roma”,(questa l’ha dtta veramente Nda) ma la regione Lazio.”  La regione al momento non si è ancora
espressa. (Chissa che dirà Zingaretti… Nda.) .

Nel commissariato squillano i telefoni i cinghiali hanno attaccato la sede Rai di Viale
Mazzini, un usciere è stato aggredito e il cavallo imbrattato.

Si scrive Piano di controllo, si legge massacro dei cinghiali

Allora la lascio così la storia, in sospeso, e chiedo un parere a Dick, lui che ha più esperienza di me sullo sviluppo della trama. La chiamerò “I cinghiali conquisteranno il mondo”. Voi che ne dite, per una puntata senza politica realtà e sui generis mi sembra pazzesca!


Daniele De Sanctis
programmatore, ghost writer in economia, Laurea in “cose inutili e altre amenità”. Produttore esecutivo tv per conto della Rai sino a Maggio 2009. Sommelier, insegna a Perugia nel 2009 nei laboratori professionalizzanti dell'Università degli studi UNIPG. Con Slow Food Roma per 10 anni, organizzo “Gas”. Dal 2013 collabora come editorialista per la rivista Agrodolce.

Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli