3.2 C
Rome
domenica 7 Marzo 2021
Agorà Berlinguer e i giovani "alle prese con le sfide del Duemila"

Berlinguer e i giovani “alle prese con le sfide del Duemila”

Berlinguer e i giovani: cosa è rimasto del lascito morale che il segretario dl Pci sperò di aver trasmesso quando si accasciò all’ombra della morte?

Berlinguer e i giovani, l’eredità morale

Enrico Berlinguer parlò lungamente di questione morale, ormai è storia. Parlò anche con altrettanta insistenza della diversità dei comunisti. Fu rispettato da tutti, anche dai più accaniti avversari , tranne che da Craxi, primo bersaglio dei suoi strali,  per quel suo insistente richiamo.

Quella diversità è stata vissuta come una gabbia per anni dalla sinistra e la questione morale come una linea di confine. Berlinguer quella mutazione la sentiva come una ferita al cuore della sinistra italiana, degli ideali del socialismo, del movimento dei lavoratori. Non era un moralista Enrico Berlinguer, era un uomo morale. Voleva che le istituzioni tornassero ad esser tali e non barricate degli apparati di partito per tener fuori il mondo.

Gli errori commessi furono tanti, non abbiamo il santino di Berlinguer nel taschino. Ma possiamo senz’altro dire la sua grande lezione fu il non aver mai pensato che la politica potesse essere separata dal sentimento morale.

Cosa si è conservato di quel lascito che Berlinguer sperò di aver trasmesso quando si accasciò all’ombra della morte durante il suo ultimo comizio in quella drammatica sera dell’11 giugno del 1984?

Se i giovani si organizzano, si impadroniscono di ogni ramo del sapere e lottano a fianco dei lavoratori e degli oppressi, non c’è scampo per un vecchio ordine fondato sul privilegio e sull’ingiustizia. (Enrico Berlinguer)

Berlinguer e i giovani alle prese con le sfide del Duemila

Berlinguer e i giovani: le nuove generazioni e la politica

Enrico Berlinguer il 18 aprile 1982 a Milano, tenne  un discorso intitolato: I giovani alle prese con le sfide del Duemila. Eccone un estratto.

La prima, essenziale, semplice verità che va ricordata a tutti i giovani è che se la politica non la faranno loro, essa rimarrà appannaggio degli altri, mentre sono loro, i giovani, i quali hanno l’interesse fondamentale a costruire il proprio futuro e innanzitutto a garantire che un futuro vi sia.

Non è mai stato facile essere comunisti. L’assassinio di compagni Pio La Torre e Rosario Di Salvo sono la prova più recente che non è neppure mai finito il tempo in cui bisogna testimoniare persino con il sacrificio estremo la propria fedeltà alle grandi idee per cui tanti dei nostri compagni sono caduti.

Ma vi sono oggi difficoltà anche meno aspre e più impalpabili, date dal fatto che i problemi si presentano in forma diversa e più complessa che per il passato, perché le contraddizioni medesime della società tendono ad essere non più solo quantitative ma a riguardare la qualità dello sviluppo, della vita, del modo di esser donne e uomini, del rapporto tra individuo e individuo, tra individuo e società.

Alla crisi delle vecchie forme della politica già corrisponde, se sappiamo vederlo, il nascere di forme nuove di impegno. E queste nuove forme non derivano soltanto dal fatto che molti partiti siano in crisi e altri, compreso il nostro, sentano difficoltà, ma derica dal fatto che avanzano, assieme a questioni nuove, nuove sensibilità.

Vi è, per esempio, un bisogno più grande che per il passato di veder pienamente utilizzato il proprio tempo e il proprio contributo. Non possiamo perciò rammaricarci se tanta attività dei partiti, effettivamente ripetitiva, non viene seguita. Ma vi è anche più informazione, più spirito critico, più avvertita vigilanza contro i luoghi comuni, e le frasi fatte.

Ecco perché certo vecchio modo di fare politica oramai respinge nel mentre si sviluppa una spinta grande all’associazionismo, a forme nuove di aggregazione, a nuovi interessi. Nella ripresa di tante forme di associazionismo cattolico non vi è soltanto, il bisogno di certezze che una fede può dare, vi è anche un grande e attivo impegno operativo intorno a tante cause positive. Le Chiese sospingono all’impegno nella società e da ciò deriva una religiosità che non è fuga dal mondo, ma opere e fatti.

Di qui sono venuti e possono venire contributi di notevole rilievo: innanzitutto al movimento per la pace. Talora, ciò si accompagna a spinte integraliste ma, quali che ne siano le motivazioni, bisogna essere attenti alle finalità concrete che vengono perseguite e vedere quali sono i possibili obiettivi consumi. Occorre non confondere mai la necessaria lotta contro il sistema di potere democristiano – sistema di potere che, con buona pace dell’attuale segretario della Dc, continua ad essere una pesante realtà e non una invenzione dei comunisti – e la necessità di intendere la complessità delle spinte presenti nell’area cattolica.

Noi non ci lasceremo impressionare dalla campagna pretestuosa in base alla quale ogni attenzione nostra verso la realtà cattolica viene presentata come ricerca di una intesa tra Dc e Pci. Si tratta di propaganda. Al tempo della solidarietà nazionale noi fummo sempre con i compagni socialisti dapprima nell’astensionismo, poi nel breve periodo della maggioranza. Non siamo certamente noi che abiamo praticato la linea della divisione a sinistra e della intesa separata con la Dc.

Abbiamo dichiarato e ripetiamo, comunque, che quell’esperienza politica è per noi conclusa.

Berlinguer e i giovani alle prese con le sfide del Duemila

La nostra prospettiva è quella di un’alternativa democrativa al sistema di potere dominato dalla Dc. E’ ed è in questo quadro che si colloca la nostra ricerca di uno sviluppo del rapporto unitario prima di tutto con il Psi.

Ma guai se, per timore di una propaganda malevola, noi dismettessimo la nostra attenzione verso il mondo cattolico. Proprio la piena conquista di una laicità storicamente costruita ci consente questa capacità continua di distinzione: volta a cercare di interpretare, nel campo che è proprio del partito politico, i bisogni del tempo, da chiunque essi vengono espressi.

Non ci sfugge, quindi, che viene anche dal campo cattolico un bisogno di fare, di agire che corrisponde alla necessità effettiva di vedere almeno alleviati molti dei problemi assillanti di tanta parte della popolazione. E’ ciò che si chiama il «volontariato». Il volontariato non è soltanto cattolico. Alle radici stesse del movimento operaio c’è il moto della solidarietà reciproca; l’originario costituirsi (prima delle leghe, prima del partito) di associazioni di mutuo aiuto, di reciproco sostegno.

In molte organizzazioni del volontariato, in ogni campo, credenti e non credenti lavorano insieme e anche quando le organizzazioni sono distinte e le aspirazioni ideali diverse, sovente le finalità di solidarietà umana comuni. E abbiamo visto proprio nei giorni scorsi, in una riunione nazionale, quante e quanto valide siano le forze nostre impegnate nelle associazioni volontarie.

Lo sviluppo nuovo e impetuoso di queste antiche e nuove forme di aggregazione ci insegna tante cose: non certo che si può fare a meno delle lotte (fra le quali oggi hanno portata decisiva quella per respingere l’offensiva della Confindustria). Né si può fare a meno dello Stato o della mano pubblica – come qualche teorico, anche di parte cattolica, suggerisce – ma certo che bisogna prendere posizione contro lo statalismo burocratico, che bisogna essere capaci di vedere le risorse autonome della società e saperle valorizzare in un dialogo continuo tra istituzioni democratiche e sollecitazioni che vengono direttamente dalla società.

Lo sviluppo dell’associazionismo e del volontariato indica che non basta partecipare, bisogna poter contare veramente, bisogna fare, bisogna contribuire a risolvere questioni reali. «Democrazia» deve congiungersi con efficienza e «libertà», deve divenire responsabilità e liberazione.

 

Berlinguer e i giovani: il testo integrale è disponibile a questo limk 

 

 

 

 

 



Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli