23.9 C
Rome
sabato 4 Settembre 2021
TecnèMusicaGiovanni Lindo Ferretti su Battiato: ci ha preceduto in cielo come sempre...

Giovanni Lindo Ferretti su Battiato: ci ha preceduto in cielo come sempre sulla Terra

In occasione di un incontro organizzato dall’Università di Bologna, c’è stato il particolare ricordo di Ferretti su Battiato. E non poteva essere diversamente…

Ferretti su Battiato: ci ha preceduto in cielo…

Quello tra Franco Battiato e Giovanni Lindo Ferretti, a loro modo vicini e distanti, uno l’alter ego dell’altro, è stato un rapporto tra due artisti sconfinati, ossia senza confini. Voci irregolari ma spalla a spalla nella ricerca di qualcosa che fosse oltre la solita narrazione.

Ferretti sulla loro amicizia e collaborazione si è sempre confessato “sorpreso e onorato”; lui che è il musicista italiano che ha accettato sulle sue spalle, il peso della metamorfosi e ha avuto il coraggio incosciente di farlo a apertamente prendendosi anche,  battute e insulti persino noiosi nella loro prevedibilità. In queste conversioni, umane e spirituali, in fondo ha cercato sempre il suo centro di gravità permanente.

Giovanni Lindo Ferretti su Battiato: Ci ha preceduto in cielo come sempre sulla Terra

L’ex leader dei Cccp è stato protagonista dell’incontro DAMS50 organizzato dall’Università di Bologna, ed ha dialogato con Paolo Noto e Roberta Paltrinieri per i 50 anni dalla nascita appunto del DAMS di Bologna. Ma ha colto l’occasione, a modo suo, per ricordare l’amico recentemente scomparso.

Ma il suo modo per parlare di Battiato è arrivato da una via insolita:

“Mi vengono ancora le lacrime agli occhi. Sono stato invitato nel 2000 circa ad inaugurare un festival della nazione Zulu in Sudafrica, e la prima sera – prima dell’arrivo di tutto il metal e di tutto quel rock, si comincia con i poeti di corte che cantano le gesta di Shaka Zulu e di tutti i re Zulu e siccome per motivi di vita conosco i guerrieri Zulu e li ho anche portati a Bologna per un avvenimento, sono stato invitato come poeta italiano e quindi ho dovuto esporre al Re, alla casa reale, e a 10mila persone tra il pubblico una idea della poesia italiana e io ci ho pensato e ripensato e ho cominciato così…”.

Ed ecco la sorpresa: Lindo Ferretti intona a cappella Aria di rivoluzione, brano tratto da Sulle corde di Aries di Franco Battiato.

“Questo era Franco Battiato, prima che diventasse famoso, quando era insopportabile. Battiato ci ha preceduto in cielo come sempre sulla Terra”.

 

CSI – Aria di rivoluzione

 

 


Marquez
Corsivista, umorista instabile.

Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli