24.8 C
Rome
domenica 6 Giugno 2021
PolisSindaco Roma: Gualtieri si candida, Letta abbozza e Calenda sbotta

Sindaco Roma: Gualtieri si candida, Letta abbozza e Calenda sbotta

Il prescelto del Pd alle primarie del centrosinistra c’è: Gualtieri si candida. Ma forse non era la fiches che avrebbe voluto puntare Enrico Letta.

Sindaco Roma: Gualtieri si candida

E dunque, alla fine, in una domenica di metà maggio, si sciolse il nodo: Roberto Gualtieri accetta di candidarsi alle primarie del PD per scegliere il candidato sindaco.

La notizia arriva via Twitter:  “Mi metto a disposizione di Roma, con umiltà e orgoglio. Partecipo alle primarie del 20 giugno. Costruiamo insieme il futuro della nostra città: io ci sono!”. 

A stretto giro, il segretario del Pd Enrico Letta ha rilanciato su Twitter l’annuncio della candidatura. Sopra il post dell’ex ministro, Letta ha piazzato gli emoticon che mostrano i bicipiti, accanto al nome del candidato: “forza Roberto!”.

“Grazie alla disponibilità di Roberto Gualtieri il Partito Democratico è in campo e offre una candidatura forte e autorevole al percorso delle primarie di coalizione per scegliere insieme alle romane e ai romani il prossimo Sindaco di Roma e la squadra che guiderà il riscatto della Capitale” scrivono in un comunicato Bruno Astorre, segretario Pd Lazio e Andrea Casu, segretario Pd Roma.

Enrico Letta abbozza

Molto probabilmente la scelta di Gualtieri per Letta è la miglior delle scelte possibili tra quelle che non avrebbe fatto. L’ostinazione della Raggi su cui è arrivata l’incoronazione di Giuseppe Conte, ha finito per bruciare il nome su cui si voleva puntare realmente, cioè Zingaretti. E dunque ora non gli resta che blindare le primarie e cercar un accordo con Conte per gli eventuali ballottaggi.

“Roberto Gualtieri ha deciso di candidarsi sindaco di Roma e noi abbiamo fatto la scelta di sostenerlo. Nicola Zingaretti sarebbe stato un ottimo candidato ma sta facendo un’altra cosa e la sta facendo molto bene: sta gestendo il Lazio e quindi l’ipotesi di una sua candidatura aveva la necessità di essere gestita e verificata nei rapporti con l’impegno nella regione, soprattutto nel corso della campagna vaccinale”. Lo ha detto il segretario del Pd, Enrico Letta, intervenuto a ‘Forrest’ su Radio Raiuno.

PD gioca la carta Enrico Letta. Ma qualcuno ipotizza soluzione clamorosa

Calenda sbotta

Alla notizia della discesa in campo di Gualtieri, Carlo Calenda ha immediatamente commentato con un certo nervosismo: “Ieri è successa una cosa veramente strana. Da sette mesi giro la città e faccio proposte. Il Pd dice ‘vedrete la Raggi si ritirerà, verrà condannata, confluiremo su Zingaretti’. Poi alla fine la Raggi non si è ritirata, Conte l’appoggia e Zingaretti non è in grado di candidarsi. È il fallimento di una linea politica. Insomma stiamo sempre dietro ai 5Stelle”.

Sonetti capitolini: a Carlo Calenda candidato sindaco

Intervistato da Radio 24 ha così continuato:

“Dal punto di vista politico, quella di ieri è stata una vittoria della Raggi e dei 5Stelle ma più che altro un suicidio del Pd. Farsi mettere in un angolo, bruciando il nome di Zingaretti è una cosa incomprensibile. Basta farsi un giro per Roma per capire che cosa la città sia diventata con l’amministrazione Raggi. La politica come buona amministrazione è scomparsa, rimane solo la politica in cui le città sono ostaggio delle decisioni dei partiti nazionali, senza nessuna verifica sul merito, su come sono andate le cose.”

Tra i due contendenti, attendendo sempre il nome della destra, Virginia Raggi sorride.

Processo Marra, Raggi: "chiesi revoca, nomina che ho dovuto ingoiare"

 


Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli