21.1 C
Rome
martedì 12 Ottobre 2021
PolisElezioni Bolivia, la rivincita di Morales: golpisti sconfitti, trionfa la sinistra

Elezioni Bolivia, la rivincita di Morales: golpisti sconfitti, trionfa la sinistra

Elezioni Bolivia, trionfo del Mas: il socialista Arce nuovo presidente, La presidente golpista Añez ha già riconosciuto la sconfitta.

Elezioni Bolivia: la rivincita di Morales

Secondo una proiezione realizzata in Bolivia dall’istituto Ciesmori, il candidato del Movimento al socialismo (Mas, sinistra), Luis Arce avrebbe vinto le elezioni presidenziali al primo turno con il 52,4% dei voti. Dietro di lui, il centrista Carlos Mesa (Comunidad Ciudadana) avrebbe ottenuto il 31,5%, mentre Luis Fernando Camacho (Creemos, destra) sarebbe al 14,1%.

Bolivia, la rivincita di Morales golpisti sconfitti al voto, trionfa la sinistra

La vittoria di Arce è stata riconosciuta dalla presidente boliviana ad interim (golpista sarebbe più corretto) Jeanine Añez che in un tweet gli ha chiesto di governare pensando al Paese e alla democrazia.

Mai nella vita avevamo visto un governo golpista riconoscere una sconfitta ancora in assenza di dati ufficiali e con un pesante ritardo nella loro pubblicazione, segno che dietro le quinte qualcosa dev’essere accaduto, per fortuna senza apparenti conseguenze.

Circa 7 milioni e mezzo di boliviani si sono recati alle urne domenica nei nove dipartimenti del Paese, una giornata elettorale caratterizzata da una grande affluenza nelle circoscrizioni elettorali nel rispetto delle misure sanitarie per il Covid-19.

Non è servito a nulla al governo golpista militarizzare le principali città del Paese, né il comportamento provocatorio e violento delle autorità: il clima intimidatorio non ha fermato l’onda popolare.

[wp_ad_camp_2]

 Arce, il nuovo presidente

Nato a La Paz il 28 settembre 1963, Luis Alberto Arce Catacora è laureato in Economia in Bolivia, con un master ottenuto nell’Università di Warwick, in Gran Bretagna. Dopo aver lavorato fra il 1987 e il 2006 nella Banca centrale di Bolivia, Arce è stato per due volte ministro dell’Economia dei governi di Morales dal 2006 al 2017 e nel 2019.

Da presidente in pectore ha così commentato lo straordinario successo:

Alla luce dei risultati, vogliamo ringraziare il popolo boliviano e tutti i nostri militanti; abbiamo fatto passi importanti: abbiamo recuperato la democrazia e la speranza. Il nostro impegno è quello di lavorare e di portare avanti il nostro programma, governeremo per tutti i boliviani e costruiremo l’unità del nostro Paese. Ripristineremo l’economia del Paese: abbiamo l’obbligo di reindirizzare il nostro processo di cambiamento senza odio, comprendendo e superando i nostri errori. I risultati dimostrano che il popolo è saggio e risponderemo a tutte le aspettative.

Bolivia, la rivincita di Morales golpisti sconfitti al voto, trionfa la sinistra (2)

Si attendono ora le reazioni ufficiali di Trump e Pompeo che, possiamo anticipare, non saranno dissimili dal celebre motto brechtiano: Il Comitato Centrale ha deciso: poiché il popolo non è d’accordo, bisogna nominare un nuovo popolo.

 

[wp_ad_camp_2]

 

[wp_ad_camp_5]


Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli