10.4 C
Rome
sabato 27 Febbraio 2021
News ONU: sanzioni Usa al Venezuela sono criminali
Condividi sui social

ONU: sanzioni Usa al Venezuela sono criminali

Condividi sui social

La relatrice ONU sull’effetto delle sanzioni Usa al Venezuela: il paese è costretto a vivere con 1% delle proprie risorse.

Sanzioni Usa al Venezuela: duro giudizio dell’ONU

Alena Douhan, la capo delegazione delle Nazioni Unite sui Diritti Umani, ha parlato in una conferenza stampa per esprimere la valutazione preliminare della visita effettuata in Venezuela, sugli effetti del blocco imposto dagli Stati Uniti a quel Paese.

Il rapporto, che si riferisce a visite in varie regioni del territorio venezuelano per osservare la situazione attuale del Paese, ha evidenziato gli effetti sul cibo e sulla salute della popolazione.

La Douhan ha sottolineato che le misure unilaterali applicate contro il Venezuela, contro le sue istituzioni e contro i suoi beni all’estero, violano i diritti internazionali, così come violano i diritti del Paese di rispondere ai bisogni di un popolo che subisce le conseguenze del blocco applicato dagli Stati Uniti e dai suoi alleati, gli europei.

sanzioni usa al venezuela
Alena Douhan

La relatrice internazionale ha evidenziato con preoccupazione la restrizione nell’accesso ai pezzi di ricambio necessari per ripristinare il funzionamento dei macchinari collegati al sistema idrico ed elettrico, con conseguenti effetti negativi sulle pratiche di sopravvivenza, sulla igiene personale, sulla alimentazione, cura della persona e nel Sistema Sanitario Nazionale gratuito per tutta la popolazione.

“Il rapporto finale sarà presentato nel settembre 2021 davanti al Consiglio per i Diritti Umani (HR) delle Nazioni Unite (ONU). Non ho smesso di raccogliere e valutare i materiali”, ha detto l’alto funzionario dell’organizzazione internazionale.

Allo stesso modo, la Douhan ha chiesto la continuazione della presentazione di materiali aggiuntivi per rispecchiarli nel rapporto finale e ha specificato che la sua visita era di natura indipendente e imparziale e includeva interviste sia di funzionari governativi che di gruppi di opposizione.

La relatrice delle Nazioni Unite ha inoltre assicurato che si dovrebbe riesaminare l’impatto umanitario delle misure unilaterali contro il Venezuela. Inoltre, ha raccomandato a tutte le parti di rispettare la sovranità delle nazioni, la legge sui rifugiati, il diritto umanitario e il carattere giuridico internazionale. “Tutti i meccanismi legali devono essere utilizzati per consentire al governo venezuelano di ripristinare i suoi progetti sociali e di sviluppo. Ecco perché pongo grande enfasi sul dialogo, lo stato di diritto e il rispetto dei diritti umani tra gli stati”, ha aggiunto l’alto funzionario dell’ONU.

La Douhan ha chiesto l’eliminazione delle sanzioni e il ripristino delle normali relazioni tra le nazioni. “Credo che questo sia l’unico modo in cui possiamo garantire il benessere della popolazione venezuelana e la protezione dei loro diritti umani”, ha aggiunto. “Allo stesso tempo, devo dirvi che consiglierei negoziati tra il governo venezuelano e il governo dei Paesi che hanno imposto sanzioni al Venezuela come mezzo per risolvere i conflitti e per risolverli”, ha sottolineato Alena Douhan.

In particolare a Paesi come Stati Uniti, Portogallo e Regno Unito, la Douhan ha chiesto di sbloccare e consentire l’utilizzo delle risorse economiche dello Stato venezuelano per la cura della pandemia. “Quando si tratta dello sblocco dei fondi sequestrati, o della possibilità di poter vendere petrolio, gas e altre fonti di reddito per il Paese, credo che questi aspetti siano importanti, per qualsiasi governo, per qualsiasi Stato, compreso il governo di Venezuela, per poter riavviare i suoi progetti di sviluppo. Nessun governo può farlo senza le risorse necessarie. Il Venezuela oggi vive con l’1% delle proprie risorse”, ha sottolineato il diplomatico.

La rappresentante delle Nazioni Unite ha anche sollecitato gli organi competenti a garantire che i funzionari del governo del Venezuela possano rappresentare lo Stato negli organismi internazionali, cosa che attualmente gli è vietata in molti casi e non ha escluso possibili visite in Venezuela di altri relatori in futuro.

Ho detto che secondo l’accordo raggiunto tra il governo del Venezuela e l’Alto Commissario per i Diritti Umani, è prevista la visita di molti relatori. Penso che sia fondamentale per valutare la situazione riguardante gli alloggi popolari, la sicurezza alimentare e altri settori”, ha concluso la Douhan.

(RSRB)

 

Condividi sui social


Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli

Condividi sui social