10.8 C
Rome
mercoledì 14 Aprile 2021
NewsPadre Zanotelli contro il governo: Lamorgese micidiale contro i migranti

Padre Zanotelli contro il governo: Lamorgese micidiale contro i migranti

Il missionario Padre Zanotelli contro il governo per le politiche migratorie, annuncia un nuovo ‘digiuno di giustizia’.

Zanotelli contro il governo: Lamorgese micidiale

Padre Alex Zanotelli, missionario comboniano, tra i volti più noti e apprezzati nel mondo della solidarietà, annuncia un nuovo ‘digiuno di giustizia’ per politiche più umane nei confronti dei migranti, il prossimo 7 aprile con un sit in davanti a Montecitorio, dalle 15.

Presentando l’iniziativa alle agenzie stampa Zanotelli non è affatto tenero nei confronti del nuovo governo:

Le politiche migratorie del governo attuale sono sempre più pesanti. Draghi appoggia con fermezza l’agenzia europea Frontex che ha il compito di pattugliare i confini europei (quest’anno spenderà oltre un miliardo di euro!), ma non muove un dito per salvare vite umane nel Mediterraneo.

Ma sono i numeri quelli che inchiodano alle responsabilità italiane:

Nei primi tre mesi di quest’anno sono già state inghiottite dal mare dai 640 ai 1200 migranti. Invece è sempre più attiva la Guardia costiera libica (creata e finanziata dall’Italia!) che, in questi mesi primi tre mesi ha intercettato in mare, (con l’aiuto dell’Italia!), 5.400 rifugiati e li ha riportati nei lager libici, veri e propri inferni”.

Migranti e pandemia: il dramma sotto il tappeto

E arriva poi l’affondo verso la titolare dl Ministero degli Interni:

In questa grave situazione diventa ancora più micidiale la politica della Ministra degli Interni, Lamorgese, che trattiene nei porti italiani, per banalità burocratiche, le navi delle Ong. Ora le navi salva-vite vengono anche trattenute nei porti italiani per la quarantena, disposizioni sanitarie che però non vengono applicate alle navi commerciali. Quello che la ministra degli Interni pensa a tal riguardo lo si evince dalle sue dichiarazioni, a Catania, per il processo a Salvini: ‘Le navi stazionano per giorni nelle acque libiche per caricare più persone possibili e aspettano altri carichi prima di ripartire per l’Italia’. Il ’Giornale’, da pari suo, ne ha tirato subito le conseguenze: ‘ I taxi del mare non recuperano naufraghi, ma immigrati clandestini‘.

Padre Zanotelli contro il governo: Lamorgese micidiale contro i migranti

Questa è una politica razzista e xenofoba che il governo porta avanti in nome della Ue per costruire il grande muro attorno all’Europa per salvarci dagli invasori. E questa stessa politica la si vede anche nel tentativo, da parte della Lamorgese, di piazzare aerei e navi italiane nelle acque di fronte alla Tunisia, per bloccare i barchini in partenza per l‘Europa. E la stessa politica che viene eseguita sui nostri confini occidentali e orientali.

Il Ministero degli Interni sta lavorando per piazzare poliziotti italiani a Bordenecchia per bloccare migranti che tentano di arrivare in Francia. Nell’ultimo anno la polizia francese ha respinto 21.000 migranti. Mentre a Trieste l’Italia sta respingendo migliaia di profughi della rotta balcanica, in Slovenia, la quale li deporta in Croazia e questa in Serbia dove finiscono nell’orribile campo di Lipa . Sempre a Trieste la mano dura del governo è caduta sull’associazione Linea d’ombra, fondata da Gian Andrea Franchi e sua moglie Lorena Fornasir: sono loro che lavano i piedi ai migranti in arrivo. Ora sono accusati di favoreggiamento dell’immigrazione illegale per aver ospitato per una notte una famiglia iraniana.

Questi sono i motivi per la nuova protesta davanti ai Palazzi del potere il prossimo 7 aprile:

Come ogni mercoledì del mese (da ormai 3 anni) saremo dalle 15 alle 18 in piazza Montecitorio , davanti al Parlamento, per contestare le politiche migratorie, razziste e xenofobe, del governo italiano e di Bruxelles.

 

LEGGI ANCHE

 

.



Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli