14.6 C
Rome
martedì 11 Maggio 2021
TecnèMusicaContempo Records omaggia la Liberazione con due perle: Bobby Joe e Life...

Contempo Records omaggia la Liberazione con due perle: Bobby Joe e Life in the Woods

In occasione delle celebrazioni del 25 aprile 2020, vi presentiamo due vere deflagrazioni musicali,  materiale resistente alle mode, ai gusti, allo spirito del tempo, in qualche modo perfettamente inseriti nel contesto della giornata che stiamo celebrando.

Stiamo parlando dei Bobby Joe Long’s Friendship Party e dei Life in the woods, due band romane prodotte dalla storica Contempo Records di Firenze che sono state portate alla nostra attenzione da Luigi Bonanni, frontman dei Garçon Fatal, musicista dall’esperienza pluriennale nonchè arguto e appassionato talent-scout, che ha deciso di sostenere le più valide proposte musicali del panorama romano al fine di formare un primo entourage artistico-musicale che si ipotizza possa diventare, nel prossimo futuro, una Contempo Roma (#contemporoma).

I Bobby Joe Long’s Friendship Party, dopo i due album autoprodotti Roma Est e Bundytismo, con Semo solo scemi (il primo lavoro per la Contempo Records) chiudono la loro trilogia, anzi, per dirla come il loro leader Henry Bowers, la Trucilogia.

L’intensa combo romana,  canta di serial killer, di politici e dei mali di questa assurda realtà, all’interno della più brutale a-normalità, filtrati dai loro suoni fatti di dramasynthcoatto wave, proto-spoken romanesco, basso post-punk e sintetizzatori new wave.

Questa è Antico Punk Inglese E Lesa Maestà, appena pubblicata dalla Contempo Records in 12″ aka dodici pollici.

Il video è stato diretto dal bravissimo e poliedrico Valerio Desirò.

 

 

 

I Life In The Woods sono una bomba classic rock  in rampa di lancio definitiva. Il trio romano, dopo l’esordio folgorante con il singolo Nothing is, dimostrano una maturità compositiva invidiabile nel nuovo mini lp Blue, prodotto dal vero santone della musica indipendente italiana, Gianni Maroccolo, capace di regalare squarci di luce anche nelle loro canzoni più cupe. Il loro spettro sonoro va dalla potenza elettrica proto Led zeppelin, arricchendosi di sfumature psichedeliche, derive grunge, fino a fughe nella tradizione folk americana.

Questa è Nothing Is  © 2019 Contempo Records

 


Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli