Quotidiano on-line ®

26.3 C
Rome
martedì, Luglio 5, 2022

Scamacca lancia il Grifone: Parma-Genoa 1-2, il Pagellone

Al Parma non basta una magia di Pellé, Scamacca entra e ribalta il match: Parma-Genoa 1-2, il Pagellone del colonnello Lobanovsky.

Il colonnello Valerij Lobanovs'ky
Il colonnello Valerij Lobanovs’ky

 

Parma-Genoa 1-2, il Pagellone

Parma-Genoa 1-2 (Pellè 16′, Scamacca 50′ e 69′)

 

 

Sepe 6 sulle due reti genoane è incolpevole. Gestisce bene la normale amministrazione per i miracoli non è attrezzato.

Conti 5 nel primo tempo contiene bene gli inesistenti attacchi genoani. Quando deve proporsi, crossare, spingere è un disastroso totale. Non indovina un cross dal 1983.

Osorio 5 il simpatico venezuelano va in crisi sulla marcatura di Scamacca. Un dettaglio non da poco.

Bani 5 marca Scamacca secondo il protocollo dell’OMS. A due metri.

Pezzella 5 non spazza il pallone che finisce a Zappacosta. Errore imperdonabile.

Kucka 6 luci ed ombre. È bravo a servire di testa l’assist per la rete di Pellè. Sempre di testa la alza da zero metri davanti a Perin. Fa pesare centimetri e fisico praticamente un attaccante aggiunto.

Brugman 7 costringe Perin ad una paratona che nega il raddoppio dei Ducali. Concentrato ed attento lotta su ogni pallone.

Kurtic 5 gira a zonzo per il campo senza meta. Come il neurone nella scatola cranica di un legaiolo a caso.

Man 6 ha qualità nei piedi infatti parte bene e salta spesso l’avversario diretto. Non è cattivo sotto porta. Nel finale avrebbe di testa la palla del pareggio e la spara centrale nelle manone di Perin.

Pellè 6.5 gran goal. Stop di petto e rovesciata che si va ad insaccare. Peccato che non serva a nulla.

Karamoh 5 solita partita fumosa. Si muove anche bene ma non riesce mai ad essere decisivo. Irritante.

Mihaila dal 64′ 6 il compitino e nulla di più.

Gagliolo 6 dal 71′ 6 sbaglia poco ma fa anche poco.

Hernani dal 79′ s.v.

Zirkzee dal 79′ s.v.

Busi dal 79′ s.v.

D’Aversa 5.5

Non riesce a sfruttare la spinta positiva della vittoria contro la Roma. La squadra va in vantaggio e non riesce a gestire la partita. Cambi tardivi e qualche scelta negli undici iniziali poco strepitosa.

Scamacca lancia il Grifone: Parma-Genoa 1-2, il Pagellone

Genoa

Perin 7 salva il risultato su Brugman. Sul vantaggio ducale non può nulla il resto è normale amministrazione.

Masiello 6 lo salva l’esperienza e la poca cattiveria degli avversari.

Radovanovic 5.5 il duello contro Pellè è roba da spaghetti Western. Non sempre riesce a contenerlo ad esempio in occasione del goal. Prodezza di Pellè ma non lo fai girare in un fazzoletto di campo.

Criscito 6 soffre la velocità di Man che va il doppio di lui. Per sua fortuna il rumeno è poco incisivo.

Zappacosta 7 punta spesso l’avversario diretto e lo salta. Non sempre riesce a servire le punte. Ci riesce in occasione del pareggio con un assist probabilmente non voluto.

Zajc 5 il ragazzo ha tecnica che spreca con giocate inutili.

Badelj 5.5 soffre la superiorità numerica dei Ducali a centrocampo e Brugman gli scappa spesso e volentieri.

Strootman 6 dovrebbe essere l’uomo in più. In realtà non fa nulla di eccezionale. Nel secondo tempo meglio che nel primo. Da ordine e fa filtro ma da lui ci si aspetta altro. Non diciamo Thiago Motta ma almeno il Strootman della Roma.

Czyborra 5 il pupillo di Balla gioca talmente bene che lo cambia nell’intervallo.

Destro 5 nel primo tempo non vede un pallone manco per sbaglio. Nel secondo ci mette impegno ma ricorda terribilmente il Destro solito. Non il cugino che segnava fino a 3 settimane fa.

Shomurodov 5 questa sera sembrava il Perdomo uzbeko.

Pjaca dal 46′ 7 quando ha voglia è un giocatore che fa la differenza. Quando ha voglia.

Scamacca dal 46′ 7.5 tocca tre palloni e fa due goal. Nel primo bravo a farsi trovare nel posto giusto. Il secondo è qualità assoluta. Potrebbero essere i due goal che salvano il Genoa con largo anticipo.

Behrami dal 65′ 6 elmetto in testa e fa trincea nei minuti finali.

Biraschi dal 67′ 6 randella il giusto, rompe la manovra degli avversari.

Rovella dall’89’ s.v. è pronto per la Juventus di Pirlo.

Ballardini 7

3 punti pesantissimi. Per una vittoria che mancava da 41 giorni. Il Genoa del primo tempo è molto brutto. È bravo a pescare i jolly dalla panchina e la squadra si trasforma e porta a casa una vittoria meritata.

 

[themoneytizer id=”68124-28″]

Enrico Zerbo
Enrico Zerbo
Ligure, ama i gatti, la buona cucina e le belle donne. L'ordine di classifica è a caso. Come molte cose della vita. Antifascista ed incensurato.

Ti potrebbe anche interessare

Seguici sui Social

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Ultimi articoli