28.9 C
Rome
venerdì 3 Settembre 2021
PanOrrore in Portogallo: oltre 500 animali sterminati in una battuta di caccia

Orrore in Portogallo: oltre 500 animali sterminati in una battuta di caccia

Indecente mattanza in Portogallo con il massacro di oltre 500 animali sterminati in una tenuta che lascerà il posto a un enorme parco di energia solare

Il massacro di Azambuia: 500 animali sterminati

Oltre 500 animali sterminati dai cacciatori nella tenuta di Azambuja, che pare stia per lasciare il posto a un enorme parco di energia solare.

La notizia si è diffusa sui social media  dopo che le fotografie del massacro sono state postate da alcuni dei cacciatori spagnoli che avevano preso parte, accompagnate da didascalie di giubilo come:

L’abbiamo fatto di nuovo!

Super caccia da record!: 540 animali con 16 cacciatori.

Orrore in Portogallo: oltre 500 animali sterminati in una battuta di caccia

L’orrore dell’accaduto è stato sottolineato da Silvino Lúcio, vicepresidente del consiglio comunale di Azambuja, che ha dichiarato alla stampa che non può essere definita caccia ma un vero massacro:

Quegli animali non avevano via di scampo. Erano confinati all’interno delle mura della proprietà e la foresta che avrebbe dovuto garantire loro un po’ di protezione è stata spogliata.

È stato un abbattimento, in altre parole, di cervi e cinghiali, poiché la tenuta stessa sta progettando un gigantesco parco solare, nonostante sia designata come Riserva ecologica (REN).

La notizia del parco solare è arrivata durante questo anno pandemico – e ha generato una rivolta tra gli ambientalisti.

 

[wp_ad_camp_1]

 

500 animali sterminati, le proteste del consiglio di Azambuja

Il consiglio di Azambuja vuole approfondire la questione: ha presentato reclamo all’ICNF (istituto forestale) e al governo centrale.

Dalle prime informazioni la battuta di caccia è stata organizzata a Herdade / Quinta Torre Bela dalla compagnia spagnola Hunting Spain Portugal Monteros de la Cabra.

Il giornale locale O Mirante e il tabloid nazionale Correio da Manhã si riferiscono entrambi a Hunting Spain Portugal  come organizzazione che organizza cacce in Spagna e Portogallo ogni anno.

CM suggerisce che i proprietari di Torre Bela hanno garantito che la caccia potesse svolgersi in un terreno designato come zona di caccia.

Ma tale è stato il livello di disgusto per le immagini che il ministro dell’Ambiente João Pedro Matos Fernandes ha revocato con effetto immediato la licenza di caccia a Torre Bela, dicendosi  scioccato.

Matos Fernandes ha dichiarato ai media portoghesi che le persone coinvolte (organizzatori, proprietari della tenuta e cacciatori)  molto probabilmente saranno incriminati.

Orrore in Portogallo: oltre 500 animali sterminati in una battuta di caccia

Bisognerà vedere se il furore per le immagini del massacro interesserà anche la massiccia installazione di energia solare prevista per Torre Bela – un’area descritta dal giornale locale Valor Local a settembre come equivalente a 775 campi da calcio ma che stride con il fatto che è anche foresta e terreni agricoli, circondati da un’unità di paesaggio particolare .

Sottolinea il giornale O Mirante che: L’agenzia portoghese per l’ambiente APA sta valutando lo studio di impatto ambientale per l’installazione di oltre 650.000 pannelli solari a Quinta da Torre Bela. La scorsa settimana il consiglio comunale di Azambuja ha avuto un incontro con i rappresentanti delle aziende responsabili dell’installazione dei pannelli che hanno garantito la conservazione della biodiversità di Quinta da Torre .

 

[wp_ad_camp_3]

 

[wp_ad_camp_5]


Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli