11.7 C
Rome
giovedì 27 Gennaio 2022
AgoràW Franco! Lo sberleffo finale di Battiato

W Franco! Lo sberleffo finale di Battiato

In Spagna alle lugubri scritte sui muri dei sempre presenti nostalgici ad ogni latitudine dei dittatori, in questo caso il caudillo Francisco Franco, sono affiancate dalla scritta Battiato, a stravolgerne il significato ed omaggiare il grande artista siciliano.

W Franco…Battiato!

L’uomo che ha cambiato per sempre il significato di “W Franco”

El hombre que cambió cualquier “Viva a Franco” para siempre”, titola la pagina online del quotidiano catalano El Nacional

“Nel paese iberico nelle ultime ore un misterioso movimento giovanile ha omaggiato così il cantautore siciliano dopo la sua morte. Accanto alle scritte che inneggiavano al mito del caudillo Francisco Franco, in numerose città iberiche è stato aggiunto il cognome “Battiato”.

W Franco! Lo sberleffo finale di Battiato

Scive Vassily Sortino sulla pagina palermitana di Repubblica :

“Una goliardata, un atto politico, ma anche un omaggio al maestro, che nel corso della sua carriera ha rieditato numerosi suoi dischi in spagnolo, come “Centro de gravedad permanente” e “Verano en una playa solitaria”. 

Un amore reciproco, quello tra la Spagna e Battiato – dove il cantautore si era esibito l’ultima volta nel 2017 – che ha toccato anche il mondo delle fiction. L’esempio più recente riguarda la seconda puntata della quarta serie di “La casa di carta”, intitolata “Il matrimonio di Berlino”.

Nel corso di questo episodio, Berlino, uno dei furfanti della serie, si sposa con Tatiana. Durante i festeggiamenti, tutti ballano al ritmo della canzone Centro di gravità permanente, cantata in coro dai monaci che ospitano lo sposo”. 

W Franco! Lo sberleffo finale di Battiato

In questo caso non si tratta di “guerriglia odonomastica”  ma della sempre valida capacità di rovesciare, con la creatività, la fantasia, il pensiero trasversale, il grigiore di simboli e scritte che spesso pensiamo di combattere solo cancellando. Qualche volta ridicolizzare diventa ancora più efficace.

E se Battiato affermava che la morte era un passaggio – “Non posso affermare di non temere la morte, ma sto lavorando per essere degno di un passaggio di un essere umano da una dimensione all’altra. Ce la sto mettendo tutta” – ci piace pensare che stia vivendo anche come folletto irridente nelle mani di chi, semplicemente aggiungendo il suo cognome, stravolge e travolge il senso delle lugubri scritte inneggianti il sanguinario caudillo.

W Franco! Lo sberleffo finale di Battiato

W España! scrivevano altri resistenti in altri tempi. W España e W Franco Battiato.

La Bottega del Barbieri

 


labottegadelbarbieri
è un blog collettivo curato da Daniele Barbieri and co

Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli