Kulturjam.it festeggia il suo primo 25 aprile

Oggi, nell’Italia prigioniera di un virus e della paura di un futuro economico e sociale che appare più che nuvoloso, si celebra l’esercizio di memoria della Liberazione. Ma il 25 aprile è anche e, soprattutto, una festa. Perché i partigiani che omaggiamo, ultimi custodi del racconto orale di quei giorni, inneggiavano alla vita.

La più alta testimonianza di questo sentimento è contenuto nelle Lettere dei condannati a morte della Resistenza italiana,  i ragazzi che allora scelsero di combattere e caddero per lasciarci in eredità quella gioia di vivere dissipata troppo spesso nelle nostre malinconie borghesi, troppo sazi di normalità.

La gioia di vivere è anche il coraggio di chi non si rassegna al fatalismo, all’indifferenza e all’accettazione passiva dello stato di cose esistente.

Il 25 aprile noi celebriamo questa speranza, questa irriducibilità alla gioia che ci è stata lasciata in eredità il 25 aprile 1945.

 

Noi di Kulturjam vogliamo partecipare attivamente a questa festa, nei modi propri di questo magazine: diffondendo e condividendo con voi parole, pensieri, immagini ma soprattutto tanta musica, in un grande happening virtuale, vicini anche se divisi per case.

Si esibiranno con contributi speciali resistenti:

Massimo Zamboni
Miro Sassolini (& Pankow)
Fabrizio Tavernelli
Enrico Capuano
This Eternal Decay
Diana Tejera
Andrea Camerini
Traindeville
Ernesto Bassignano
Andrea Ra
Contempo Records

Buon 25 Aprile 2020

 

Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli