-0.8 C
Rome
sabato 22 Gennaio 2022
In EvidenzaLo sciopero generale nel deserto politico

Lo sciopero generale nel deserto politico

Lo sciopero generale indetto da Cigl e Uil e quello del comparto scuola, avverranno senza l’appoggio di nessun partito presente nelle istituzioni e con la grande massa paese che non ne sa fondamentalmente nulla.

Sciopero generale e deserto politico

Nel giro di una decina di giorni si svolgeranno in Italia alcuni scioperi di carattere nazionale. Il primo venerdì riguarda il comparto della scuola (docenti e personale ATA). Il secondo riguarda invece lo sciopero generale della Cgil e della Uil.

Sono pronto a scommettere che dei temi alla base di questi due importanti momenti di conflitto la larghissima maggioranza delle persone non sa nulla.

Il contesto attuale, dominato dalla polarizzazione sui vaccini e sulle misure sanitarie, ha infatti raso al suolo qualsiasi discussione sui temi del lavoro. Si tratta di un vero successo del governo e dei liberisti nostrani, abilissimi nell’aver allestito un campo di conflitto in cui sanno di poter vincere facile e di cui hanno il controllo della maggior parte delle leve attraverso i media.

La forza di Draghi e delle élite che rappresenta non sta tanto nel controllare il consenso, ma nel saper orientare e riempire di contenuti il dissenso. Per questo non si parla dei prossimi scioperi.

Così non va Draghi si è alzato e se ne è andato al primo scontro con il Paese reale

Nessun partito presente nelle istituzioni sostiene lo sciopero

A parte qualche piccolo gruppo nessun partito dell’arco Costituzionale sostiene lo sciopero generale del 16 dicembre, nè quello dei docenti di venerdì prossimo.

Si tratta di un segno della condizione di subalternità delle attuali forze politiche, ma è anche un dato che ribadisce la crisi della democrazia parlamentare. Possiamo girarla come ci pare, ma la nostra democrazia non funziona più. Non da oggi, sia chiaro.

Le balorde terapie finora impiegate – taglio del finanziamento pubblico e dei parlamentari – hanno aumentato il male invece di curarlo. Il risultato è che oggi il parlamento non svolge alcuna funzione di mediazione delle istanze sociali. Si limita a rappresentare passivamente gli interessi del capitale.

Non potrebbe essere diversamente: i partiti non hanno alcuna autonomia culturale. Non possiedono una propria linea politica. Anche per questo le prossime giornate di sciopero sono importanti: rappresentano un distacco del sindacato da un sistema parlamentare malato. Saranno tuttavia inutili se non si procede alla ricostruzione di un nuovo gruppo dirigente.

La cura contro la crisi parlamentare non è l’antiparlamentarismo. E non è nemmeno l’antipartitismo. La cura consiste nella ricostruzione della funzione mediatrice di parlamento e partiti. Il resto è terrapiattismo delle élite dominanti.

 

Cartoline da Salò: un anno marchiato dalle stimmate della pandemia

 

Leggi anche


Paolo Desogus
Paolo Desogus è Maître de conférences presso la Sorbona di Parigi. Nel 2015 la sua tesi di dottorato in italianistica e semiotica ha ottenuto il Premio Pier Paolo Pasolini conferito dalla Cineteca di Bologna. Oltre a diversi articoli su riviste specialistiche, ha pubblicato La confusion des langues. Autour du style indirect libre dans l’œuvrede Pier Paolo Pasolini (Éditions Mimésis, 2018) e Laboratorio Pasolini. Teoria del segno e del cinema (Quodlibet, 2018).

Ti potrebbe anche interessare

1 COMMENT

  1. […] Βέβαια, δεν έχουν άδικο όσοι χαρακτηρίζουν την αντίδραση, σχεδ…ν στη διοργάνωση των απεργιών, τόσο των καθηγητών και του προσωπικού στα σχολεία, όσο και των συνδικάτων, ως μία προσβολή και καταπάτηση της λειτουργίας της κοινοβουλευτικής εξουσίας. Κανένα Σύνταγμα και ουδείς κοινοβουλευτικός κανόνας επιτρέπει την παρέμβαση όποιου είδους στις αποφάσεις και τις δράσεις της κοινωνίας των πολιτών και των φορέων της έκφρασής της, όπως είναι τα συνδικάτα. Ο ωμός τρόπος και η φρασεολογία, όπως και η συντεταγμένη διαστρέβλωση μέσω του φιλικού στο νυν πολιτικό «κατεστημένο» Τύπου της όποιας διεκδίκησης ως μέσο αποσταθεροποίησης του Ντράγκι ή ως «ταφόπλακα» του Προγράμματος Ανάκαμψης κι Ανθεκτικότητας, μαρτυρούν μία διάθεση να καταλυθούν τελείως-μετά τη de facto και νομοθετική κατάργηση των εργασιακών συνθηκών-και το έσχατο οχυρό των δικαιωμάτων του εργαζόμενου, η απεργία. Μία κατάργηση, που βαθμηδόν έχει δρομολογηθεί χάρις στην «κατάσταση εξαίρεσης» που έχει επιβάλει η πανδημία Covid-19. Δείγματα αυτής της επιδίωξης να καταλυθεί το δικαίωμα στην απεργία είτε με τον καταναγκασμό, είτε με  την αποτροπή, την ωμή καταστολή και τις διώξεις ή τη διαστρέβλωση, διαπιστώσαμε στην απεργία των λιμενεργατών στην Τεργέστη ή στις κινητοποιήσεις για συμπαράσταση στους απολυμένους της GNK στη Φλωρεντία ή στις 5 Νοεμβρίου με τους απολυμένους της Whirlpool στη Νάπολη. […]

Comments are closed.

Ultimi articoli