25.4 C
Rome
venerdì 13 Maggio 2022
PolisGuerra o pace: gli anticorpi della complessità sono caduti

Guerra o pace: gli anticorpi della complessità sono caduti

Il dilemma apparentemente complesso tra guerra o pace è superato dall’irrazionalità autodistruttiva più pura.

Guerra o pace

La micidiale operazione mediatica in sostegno della guerra, insieme alla campagna di disinformazione e l’infame caccia al putiniano mi pare che abbiano la mera funzione di occultare i termini del conflitto in campo.

Siamo di fronte all’invasione dell’esercito russo in Ucrania, non c’è dubbio. Le vittime sono gli ucraini, ma gli attori di questa guerra sono Russia e Nato, anzi direi Russia e Stati Uniti, dato che il contributo dei paesi europei del Patto Atlantico, specie di Italia e Germania, va contro i loro stessi interessi.

Da parte mia non c’è dunque nessuna equidistanza. Sto dalla parte delle vittime. Ma permettetemi di rifiutare e di disprezzare profondamente i due veri attori in guerra.

La soluzione? La pace, promuovere la pace, il prima possibile.

I no-pax e la catastrofe etico-politica della guerra

L’impressione è che non ci siano più gli anticorpi.

La manifestazione di Firenze con la folla inneggiante a Zelensky mentre chiede la no fly zone è il segno di un vero e proprio delirio. Stiamo precipitando nell’irrazionalità autodistruttiva più pura.

Introdurre la no fly zone significa stare a un passo dalla terza guerra mondiale. Canfora ha provato a spiegarlo l’altro giorno in tv, sotto gli insulti di Rampini e la “stravaganza” della De Gregorio, ma sembra che il messaggio non passi.

Stanno vendendo meno gli anticorpi della ragione. È più facile credere alla storiella dei buoni e dei cattivi che fare lo sforzo di afferrare la complessità, la contraddittorietà dei fatti.

La guerra, il moralismo e la regressione infantile

“Credo nei princìpi “formali” della democrazia, credo nel parlamento e credo nei partiti. E naturalmente attraverso la mia particolare ottica che è quella di un comunista” Pier Paolo Pasolini, 1974.

 

Cartoline da Salò: un anno marchiato dalle stimmate della pandemia

 

Leggi anche

 


Paolo Desogus
Paolo Desogus è Maître de conférences presso la Sorbona di Parigi. Nel 2015 la sua tesi di dottorato in italianistica e semiotica ha ottenuto il Premio Pier Paolo Pasolini conferito dalla Cineteca di Bologna. Oltre a diversi articoli su riviste specialistiche, ha pubblicato La confusion des langues. Autour du style indirect libre dans l’œuvrede Pier Paolo Pasolini (Éditions Mimésis, 2018) e Laboratorio Pasolini. Teoria del segno e del cinema (Quodlibet, 2018).

Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli