27.6 C
Rome
martedì 17 Maggio 2022
PolisLa guerra in Ucraina e l'irrilevanza italiana

La guerra in Ucraina e l’irrilevanza italiana

La messa in scena propagandistica sulla guerra in Ucraina nasconde l’insignificanza dell’Italia nell’attuale scenario europeo: la sua incapacità di agire e di pensare politicamente.

L’irrilevanza italiana nella guerra in Ucraina

La guerra alla Russia, alla quale partecipa anche l’Italia in qualità di stato cobelligerante, sta mostrando tutta la fragilità delle nostre istituzioni, insieme all’inadeguatezza della classe politica, da tempo priva di prospettiva, apatica, non di rado sciocca.

A questo poi si aggiunge il conformismo di una fetta importante delle classi intellettuali. E non mi riferisco solo ai giornalisti che suonano il piffero della Nato, ma anche ai tanti che si sono rifugiati nelle discussioni pseudo intellettuali à la page.

Siamo entrati in guerra senza alcun passaggio formale, né del governo né del parlamento, ma solo per impulso esterno, martellati da una micidiale operazione mediatica.

Il PNRR di Draghi potrebbe mancare oltre la metà degli obiettivi

Nessuna delle due camere mi pare abbia fatto una richiesta di interrogazione parlamentare al ministro della difesa o al ministro degli esteri per capire qual è la posizione formale dell’Italia.

Al di là delle diverse opinioni, quello che è intollerabile è che le decisioni siano state prese fuori dalla prassi democratica.

Chi è il responsabile del nostro ingresso in guerra? A chi devono rivolgersi gli italiani per chiedere conto delle ripercussioni, anche relativamente alla sicurezza nazionale? Forse a qualcuno non è chiaro, ma l’Italia con le sue basi americane e Nato è un bersaglio militare.

Sul versante dell’opinione pubblica la stampa ha allestito a tempo di record una nuova, ennesima polarizzazione tra chi sta con l’Ucraina e chi è invece un nemico, un putiniano.

Misure di controllo: il Governo ha scelto di non governare

È però una falsa discussione. Non ci sono “putiniani” e quei pochi disgraziati che manifestano qualche simpatia verso la Russia non contano nulla, come del resto non conta nulla nemmeno chi sostiene senza remore la guerra.

Questa messa in scena mi pare che serva solo a nascondere l’insignificanza dell’Italia nell’attuale scenario europeo: la sua incapacità di agire e di pensare politicamente nel contraddittorio processo geopolitico in corso.

Non contiamo nulla, se non come bersaglio militare, come paese cuscinetto esposto all’esercito russo. Agli americani piace tanto fare la guerra, soprattutto se chi rischia è lontano migliaia di chilometri dal loro territorio.

Cartoline da Salò: un anno marchiato dalle stimmate della pandemia

 

Leggi anche


Paolo Desogus
Paolo Desogus
Paolo Desogus è Maître de conférences presso la Sorbona di Parigi. Nel 2015 la sua tesi di dottorato in italianistica e semiotica ha ottenuto il Premio Pier Paolo Pasolini conferito dalla Cineteca di Bologna. Oltre a diversi articoli su riviste specialistiche, ha pubblicato La confusion des langues. Autour du style indirect libre dans l’œuvrede Pier Paolo Pasolini (Éditions Mimésis, 2018) e Laboratorio Pasolini. Teoria del segno e del cinema (Quodlibet, 2018).

Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli