28 C
Rome
lunedì 16 Maggio 2022
NewsLa crisi ucraina sta già facendo danni...in Italia

La crisi ucraina sta già facendo danni…in Italia

La crisi ucraina e la pressione politica degli Usa stanno portando a una situazione di grande difficoltà l’Italia, il paese che, insieme alla Germania, dipende maggiormente dal gas russo.

La crisi ucraina e la questione energetica

Da questa vicenda del conflitto con la Russia ne stiamo uscendo con le ossa rotte. Non solo perché l’Italia non ha alcun interesse a seguire gli americani in questa assurda campagna ucraina, ma perché, molto più prosaicamente, assistiamo in queste settimane all’impennata dei costi energetici, i cui effetti toccano in maniera significativa il bilancio delle classi a reddito basso.

Il conflitto sta infatti portando a una situazione di grande difficoltà l’Italia, il paese che, insieme alla Germania, dipende maggiormente dal gas russo.

Occorre dire, a onor del vero, che per una volta la politica italiana (destra e sinistra) ha cercato nei primi anni duemila una soluzione con il progetto del South Stream e con l’idea di fare della penisola l’hub del gas europeo, anche attraverso gli attuali gasdotti e il progetto di costruire alcuni rigassificatori, che avrebbero consentito di differenziare le importazioni.

Questo piano è miseramente fallito per le numerose pressioni internazionali, soprattutto europee. Ai tedeschi non andava proprio giù che il nostro paese potesse assumere un ruolo strategico così importante e sono riusciti a imporre la costruzione del loro gasdotto.

Gli americani dal canto loro non ci hanno sostenuto e ci hanno anzi obbligati a finanziare il Trans Adriatic Pipeline, ovvero il TAP, la cui portata è quasi dieci volte inferiore al South Stream e circa sei volte meno del North. Senza poi contare che il gas azero del TAP è costoso.

Al fallimento ha poi contribuito la scarsa coscienza del problema energetico e una bizzarra concezione della geopolitica. Soprattutto a sinistra non si parla mai di energia se non in termini velleitari e sconclusionati, alieni da qualsiasi riflessione sulla funzione dell’industria e dello sviluppo.

Tutta la discussione sull’energia finisce nel calderone di un ambientalismo di facciata, dai toni moralistici e infantili.

Resta il fatto che senza un piano energetico l’Italia e la sua economia restano fortemente esposte alle volontà politiche extranazionali. Ma a noi italiani evidentemente i vincoli esterni piacciono.

 

Cartoline da Salò: un anno marchiato dalle stimmate della pandemia

 

Leggi anche


Paolo Desogus
Paolo Desogus è Maître de conférences presso la Sorbona di Parigi. Nel 2015 la sua tesi di dottorato in italianistica e semiotica ha ottenuto il Premio Pier Paolo Pasolini conferito dalla Cineteca di Bologna. Oltre a diversi articoli su riviste specialistiche, ha pubblicato La confusion des langues. Autour du style indirect libre dans l’œuvrede Pier Paolo Pasolini (Éditions Mimésis, 2018) e Laboratorio Pasolini. Teoria del segno e del cinema (Quodlibet, 2018).

Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli