17.5 C
Rome
sabato 4 Settembre 2021
AgoràEstate, Olimpiadi e licenziamenti: tanto ci pensa Draghi...

Estate, Olimpiadi e licenziamenti: tanto ci pensa Draghi…

Abbiamo vinto gli europei di calcio, ci sono le Olimpiadi, le vaccinazioni nonostante polemiche e NoVax procedono, e per qualsiasi problema di questa estate italiana, ci pensa Draghi.

Ci pensa Draghi

Sciabola da urlo, boxe nella storia, divina Pellegrini: è un universo incantato quello degli azzurri alle Olimpiadi. Almeno se uno ascolta i tg o legge i titoli dei media più popolari.

Ma siamo alla rinascita, alla ripartenza, c’è Mario Draghi a garanzia di tutto, dal Pnrr al tiro al piattello. Dunque in questa meravigliosa estate italiana, come cantavano i Cccp: eppur tutto va bene, va proprio tutto bene…

Però, restando al tema sportivo delle Olimpiadi, se vai ad approfondire (perchè non tutti sono ferrati su triathlon e affini), scopri che in realtà il bilancio italiano è abbastanza scarso secondo gli esperti e in proiezione, forse, potrebbe essere una delle peggiori edizioni per il nostro sport. (Sarò smentito sicuramente nei prossimi giorni, ma l’arrticolo è scritto oggi…)

Questa è certamente un’Italia competitiva, ma non paragonabile, per esempio, alla spedizione di Atlanta 1996 o Sydney 2000, quando spiccavano alcune discipline che garantivano ori in gran numero, come ad esempio la scherma, il ciclismo su pista e canoa velocità. E invece proprio nelle nostre roccaforti il bilancio è piuttosto deludente.

Estate, Olimpiadi e licenziamenti: tanto ci pensa Draghi...

Per confermarsi nella top10 del medagliere, come accade ininterrottamente dal 1996, l’Italia avrà bisogno, sempre secondo i siti più specializzati, probabilmente di una decina di medaglie d’oro, cosa che al momento appare come una vera e propria montagna da scalare, perché ad oggi è impossibile individuare una competizione in cui un azzurro parta ragionevolmente con il favore dei pronostici.

Inoltre la concorrenza abbonda: come sempre ci sono nazioni inarrivabili come Usa, Cina, Giappone, ROC (Comitato Olimpico Russo) e Gran Bretagna, mentre ci sono altre nazioni che hanno una serie di certezze in alcune discipline, che li proiettano in situazione teorica di vantaggio.

Pensiamo, ad esempio, al tiro con l’arco per la Corea del Sud: ha già vinto due titoli e da tutti verrebbe considerata una sorpresa se non arrivasse a cinque. Dunque occorrerà davvero lo stellone di Mario Draghi sulla nostra spedizione.

Eppur tutto va bene, va proprio tutto bene…

Estate, Olimpiadi e licenziamenti: tanto ci pensa Draghi...

Fiducia e ottimismo, ci pensa Draghi

Ma c’è vita anche oltre le Olimpiadi ed è costellata da quest’anelito di fiducia e ottimismo che accompagna la ripresa.

Le nostre forze politiche, con enorme sollievo, hanno appaltato le questioni rilevanti a Draghi, e dunque si godono la vacanza parlando di temi identitari, senza idee forti e senza nemmeno il cruccio di trovarle.

C’è fiducia, lo dicono anche gli studi di Confindustria: c’è il forte rimbalzo del pil nel secondo trimestre. Produzione a +1,1% e occupati a tempo determinato in crescita da marzo, ancora in calo però quelli a tempo indeterminato.

Eppur tutto va bene, va proprio tutto bene, nonostante la chiusura a pioggia di aziende con lo sblocco dei licenziamenti, le delocalizzazioni in grande stile, sempre più simili al passaggio della cavallette, e gli arresti per schiavismo alla Grafica Veneta.

Mica vorremo turbare la narrativa emozionale di questa estate italiana con questi richiami alla realtà? A quest’occhio titubante al pensiero che una classe imprenditoriale capace di provocare questi danni, sia anche quella che dovrebbe trainare la ripresa e beneficiare del fiume di denaro in arrivo dall’Europa?

Eppur tutto va bene, va proprio tutto bene, visto che al vertice di questo sistema imprenditoriale rapace, che viola i più elementari diritti, ci sono sempre imprenditori per bene, riveriti e portati ad esempio. Infatti per questi signori l’unico problema sono i sussidi e il reddito di cittadinanza.

Eppur tutto va bene, va proprio tutto bene…

Chiusura della GKN: ma la Fiat non ne sa nulla?

 

Leggi anche


Marquez
Corsivista, umorista instabile.

Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli