15.4 C
Rome
martedì 17 Maggio 2022
AgoràMariupol e il ponte saltato: un esercizio d'analisi dell'informazione arrivata in Italia

Mariupol e il ponte saltato: un esercizio d’analisi dell’informazione arrivata in Italia

Premessa: le righe che seguiranno (sull’episodio del ponte saltato a Mariupol) sono un esercizio d’analisi dell’informazione, e serve per ragionare su un documento, non per fare valutazioni politiche o militari, o di altra natura.

Mariupol e il ponte saltato

Sabato 19 marzo, durante la mattinata, è stato pubblicato un video dell’inviato di Repubblica a Mariupol. Il titolo del video è: “Mariupol. L’inviato sul ponte saltato. “Mine ovunque, è più pericoloso scappare che rimanere sotto le bombe“. È al momento reperibile sul sito on-line della testata.

Il contenuto della testimonianza

L’inviato, con l’ausilio della documentazione filmata, riporta quanto segue:

a) le strade per uscire da Mariupol sono state minate;

b) l’esercito russo ha minato le strade;

c) l’aviazione russa ha bombardato un ponte che era stato minato;

d) il ponte è ora difficilmente praticabile da veicoli;

e) il ponte è stato bombardato per far esplodere le mine.

Considerazioni

A logica, non tutte le affermazioni su riportate sembrano poter essere dette senza contraddizione. Quindi, si può ipotizzare che alcune siano vere, altre verosimili o dubbie. Si tratta di capire quali.

In particolare, non risultano chiari i seguenti punti:

a) se russi e ucraini hanno concordato dei corridoi per far uscire i civili dalla città, possiamo ipotizzare che ciò voglia dire che altre vie d’uscita, che non siano dunque i corridoi, possono essere state minate?;

b) una via d’uscita è anche, sempre, un ingresso; minare un’uscita equivale a minare un ingresso. Perché la strada mostrata nel video è una via d’uscita e non un ingresso, dato che non è un corridoio umanitario?;

c) ha senso minare un ponte se poi è bombardato per renderlo inservibile? Questo comportamento corrisponde forse a una tecnica militare? Sembrerebbe più logico ed economico bombardare un ponte senza dapprima minarlo;

d) posto che l’esercito russo abbia minato le strade e il ponte, per poi bombardare quest’ultimo, sarebbe stato facile documentare la provenienza delle mine, filmandone una con uno zoom, a distanza di sicurezza. Ciò avrebbe dato alla testimonianza dell’inviato un valore di prova difficilmente discutibile.

Di conseguenza, le affermazioni che sembrano poter essere dette vere dopo questo primo discrimine sono:

a) delle strade periferiche di Mariupol sono state minate;
b) un ponte alla periferia della città è stato bombardato;
c) il ponte è difficilmente praticabile dai veicoli.

Tutto il resto appare verosimile o dubbio.

Per poter discriminare ulteriormente le informazioni servirebbero altre fonti, una documentazione che abbia valore di prova (l’origine di fabbricazione delle mine, per esempio; o un resto di bomba d’aereo).

 

Cartoline da Salò: un anno marchiato dalle stimmate della pandemia

 

Leggi anche

 


Raoul Kirchmayr
Raoul Kirchmayr
Insegna Storia e Filosofia nei Licei e dal 2002 è a contratto all’Università di Trieste, dove attualmente insegna Estetica presso il Corso di laurea in Architettura. Ha al suo attivo oltre un centinaio di pubblicazioni.

Ti potrebbe anche interessare

Ultimi articoli