Quotidiano on-line ®

22.5 C
Rome
lunedì, Luglio 4, 2022

La sinistra liberal progressista cancella l’idea stessa di sinistra

C’è oggi una sinistra liberal progressista che non ha niente a che fare con la propria storia e tradizione. Il suo Occidente non è Platone, Spinoza, il cristianesimo ma il mercato e il consumo.

La sinistra liberal progressista, blob che divora se stessa

Io non credo che vi siano due sinistre, o che la sinistra sia divisa o si divida. Ste scemenze le lascerei ai giovani ecumenici perditempo.

Se c’è una cosa che questo conflitto ha portato alla luce è che il termine sinistra è ormai un equivoco.

Non siamo davanti a varianti della sinistra, come poteva essere tra Berlinguer e Willy Brandt o Olaf Palme, tra comunisti, socialisti e socialdemocratici.

C’è oggi una sinistra liberal progressista che non ha niente a che fare con quella tradizione nel suo complesso, una sinistra neoliberale che tutta la sinistra, in tutte le sue varianti, ha sempre combattuto e che ha chiamato “destra”.

Ad accomunarla è l’odio con tutto ciò che è storia e ha storia, un odio verso la vita che nelle tradizioni prende forme, evolve, cresce. Il disprezzo verso le comunità, il tentativo di imporre un individualismo è isola, pensando che esista una sola forma di legame, quello che produce il consumo.

Il suo Occidente non è Platone, Spinoza, il cristianesimo, la cultura Latina. Per loro l’identità dell’Occidente è il mercato e il consumo. La democrazia la immaginano senza popolo: una democrazia di élite che si credono illuminate e a cui i popoli dovrebbero affidarsi. La democrazia senza democrazia.

Costoro si sono semplicemente appropriati del termine sinistra per raccogliere voti. Un’operazione radicata nel Progetto di Eugenio Scalfari, col sostegno di gente come Veltroni, che non si capisce bene cosa ci facesse dentro il Pci dato che aveva in odio tutta la sua cultura e la sua storia.

Walter Veltroni: vi spiego perchè non sono andato in Africa

Si tengano il termine “sinistra”. Ma quel tentativo è arrivato alla sua fine. Perché era idiota, elitario, sordo verso la realtà. Ha devastato l’economia del paese, distrutto la sua cultura democratica.
Ora sta distruggendo l’economia dell’Europa, costruendo un mondo basato sull’equilibrio del terrore.

Non ci pensiamo più. Apriamo un’altra storia.

"Ho imparato" ma...Enrico, di’ qualcosa di sinistra!

Cartoline da Salò: un anno marchiato dalle stimmate della pandemia

 

 

Leggi anche

Vincenzo Costa
Vincenzo Costa
Vincenzo Costa è professore ordinario alla Facoltà di Filosofia dell’Università Vita-Salute San Raffaele, dove insegna Fenomenologia. Ha scritto saggi in italiano, inglese, tedesco, francese e spagnolo, apparsi in numerose riviste e libri.

Ti potrebbe anche interessare

Seguici sui Social

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
spot_img

Ultimi articoli